CONDIVIDI

Il DSA, acronimo del Disturbo specifico dell’apprendimento è un disordine neurologico che si manifesta durante l’età scolastica, ma è di difficile identificazione fino all’età adulta. Tali difficoltà interessano principalmente tre aree, lettura, scrittura e matematica, fondamentali per la capacità di apprendimento e sviluppo della persona.

Le stime dichiarano che l’80% delle persone che soffrono di disturbi specifici dell’apprendimento, manifestano particolarmente il disturbo della lettura, definita comunemente anche dislessia. Inoltre un terzo delle persone con il DSA manifestano anche un disturbo da deficit di attenzione e iperattività.

Le abilità che possono essere interessate dal disturbo specifico dell’apprendimento possono essere anche la capacità di inserire pensieri in parole scritte, la comprensione della lettura, l’ortografia, la capacità di calcolo e la risoluzione di problemi matematici.

Queste difficoltà possono quindi ripercuotersi nell’apprendimento di materie come storia, matematica, scienze e studi sociali e possono avere un impatto sulle attività quotidiane.

La psicologa Claudia De Masi, specializzata in terapia breve strategica sottolinea “I disturbi dell’apprendimento, se non vengono riconosciuti e gestiti, possono causare problemi durante la vita di una persona. Queste difficoltà includono un aumento del rischio di soffrire di disagio psicologico, un peggioramento della salute mentale generale, disoccupazione e abbandono scolastico“.

Sintomi

Il disturbo specifico dell’apprendimento può essere diagnosticato solo dopo l’inizio dell’istruzione formale. Affinchè possa essere conclamato disturbo di apprendimento specifico, una persona deve rispondere a quattro criteri fondamentali.

1) Avere difficoltà in almeno una delle seguenti aree per almeno sei mesi nonostante l’aiuto mirato:

  • Difficoltà di lettura (imprecisione e grande lentezza);
  • Difficoltà di comprendere dei significati dei testi letti o concetti numerici, numeri fatti o calcoli;
  • Difficoltà ortografiche;
  • Difficoltà nell’elaborazione di testi scritti (Problemi di grammatica, di punteggiatura o di organizzazione);
  • Difficoltà di ragionamento matematico (applicare concetti matematici o risolvere problemi di matematica);

2) Avere abilità scolastiche ben al di sotto di quanto previsto per l’età della persona e che sono causa di problemi a scuola, sul lavoro o nelle attività di tutti i giorni.

3) Le difficoltà possono iniziare nell’età scolare, ma in alcune persone non si manifestano in modo significativo fino a quando raggiungono l’età adulta.

4) Le difficoltà di apprendimento non devono essere legate ad altre condizioni, come ad esempio eventuali disabilità intellettive o particolari condizioni neurologiche, problemi di vista o udito, condizioni particolari causate da uno svantaggio economico o ambientale, mancanza di istruzione o difficoltà a parlare / capire il linguaggio.

La diagnosi per riconoscere il disturbo specifico dell’apprendimento DSA viene fatta attraverso una combinazione di osservazione, interviste, storia familiare e rapporti scolastici coadiuvati da possibili test neuropsicologici.

Rientrano tra i disturbi specifici dell’apprendimento anche la dislessia, la disgrafia e la discalculia.

Articolo precedenteNatalie Portman protagonista a Shangai e Tokyo per Dior
Articolo successivoPatate duchessa viola
“La moda passa, lo stile resta” (Coco Chanel). Amo creare uno stile unico, che sia sempre elegante, particolare e mai scontato dove assolutamente nulla sia lasciato al caso: il mio stile. Sono una farmacista di professione, blogger per passione. Sono specializzata in cosmesi, scrivo e sono alla continua ricerca di confronti e nuove ispirazioni. Amo viaggiare e raggiungere mete non comuni. Amo la gente, amo la vita e pratico “yoga” per alimentare corpo, mente e anima. Adoro il vivere bene e soprattutto sano per la naturale bellezza e il benessere psico fisico.