CONDIVIDI

Quando il caldo si fa sentire non c’è niente di meglio di qualcosa di fresco. E’ il periodo di ghiaccioli e gelati, che moltospesso vanno a sostituire persino un pasto, specie se siamo al mare o in vacanza. Oppure se siamo a casa, diventano una piacevole merenda. Niente di meglio, quindi, che farli in casa, soprattutto se abbiamo dei bambini, così sarà un modo valido per far mangiare loro della buona frutta.

Per fare i ghiaccioli in casa l’unica cosa che serve davvero sono le apposite formine, e relativi stecchi. Per il resto solo frutta fresca, preferibilmente biologica, così da impiegarla con tutta la buccia. La ricetta riporta una dose indicativa di zucchero, ma facendo delle prove potete veriarla in base ai vostri zucchero. E per la frutta, al posto delle albicocche, che adesso abbondano, usate quella che preferite. Tenendo presente che, più è dolce, più occorre fare attenzione allo zucchero.

Ingredienti:

  • 300 g di albicocche, già denocciolate
  • 200 g di acqua
  • 100 g di zucchero

Procedimento:

Prepariamo uno sciroppo, facendo bollire l’acqua con lo zucchero finchè si scioglie completamente. Lasciamo raffreddare.

Nel frattempo, versiamo la frutta in un frullatore, lasciando da parte qualche spicchio per guarnire i ghiaccioli. Uniamo lo sciroppo freddo alla frutta e frulliamo fino ad ottenere un composto omogeneo.

Versiamo nelle formine dei ghiaccioli, uniamo la frutta tenuta da parte, inseriamo gli stecchi e mettiamo in freezer almeno un paio d’ore prima di assaggiare!

Articolo precedenteMaya Hawke: l’outfit della nuova icona di stile
Articolo successivoFagiolini, patate e salsa verde
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.