CONDIVIDI

Il flexitariano mangia carne, anche se in quantità ridotta e predilige le verdure, infatti la dieta flexiteriana si avvicina a quella vegetariana per certi aspetti, ma non esclude totalmente le proteine di origine animale, poiché sono necessarie ai muscoli del nostro corpo.

Il flexitarianismo è nato dall’unione dei due termini: flexible (flessibile) e vegeterian (vegetariano) ed è uno stile nutrizionale che prevede un’attenta selezione delle materie prime, nel rispetto dell’ambiente e tecniche di cottura meno invasive che valorizzino al massimo gli alimenti, esaltandone le caratteristiche.

Quindi questo tipo di dieta prevede principalmente quattro “principi alimentari”:

  1. Verdura bio e frutta di stagione sono da preferire a qualunque altro cibo, anche la frutta secca;
  2. I cereali integrali (farro, orzo) sono da preferire ai cereali raffinati perché più ricchi di fibre:
  3. I legumi e semi oleosi; i primi sono fagioli, ceci e piselli, i secondi sono semi di lino, semi di sesamo, semi di zucca;
  4. Proteine animali e derivati, sono ammessi carne, pesce, uova e latticini, in misura ridotta, ovviamente bio ed a km 0

La dieta flexitariana predilige i piatti della tradizione regionale che generalmente hanno un ottimo equilibrio di sostante nutritive e soprattutto proteine, infatti, l’elevato consumo di frutta e verdura misto ad un apporto contenuto di proteine aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, a ridurre i livelli di colestorolo e trigliceridi ed a ridurre possibili malattie cardiovascolari.

Articolo precedenteBurger buns di grano arso
Articolo successivoIngrediente fondamentale per una dieta efficace: la pasta integrale
Pugliese di nascita, appassionata di scrittura sin da bambina, adoro la moda e il mangiare sano. Mi piace girare il mondo ed evadere dalla routine quotidiana. Ho svariate esperienze nel campo della moda e creo gioielli con la tecnica del soutache e vederli indossati mi riempe di gioia. Oggi questo mio grande amore è diventato il mio principale lavoro a cui dedico anima e corpo e sono alla continua ricerca di nuovi stimoli per un continuo miglioramento. Spero di riuscire a trasmettere le mie stesse emozioni con la medesima intensità con cui le vivo io.