CONDIVIDI

Un’abitudine sempre più diffusa è quella di trascorrere la pausa pranzo alla scrivania davanti al pc, un po’ per questione di tempo, come lavoro da smaltire o scadenze imminenti, un po’ per questioni di comodità, infatti, si ha l’errata convinzione di “perdere meno tempo” e di “fare un pasto leggero e veloce”.

Uno studio dell’Università di Bristol, ha esaminato due gruppi di persone, un gruppo che ha consumato la sua pausa pranzo lontano dalla scrivania ed un gruppo che ha pranzato sulla propria postazione lavorativa.

Alla fine i ricercatori hanno osservato che chi pranzava davanti al computer si sentiva meno sazio degli altri colleghi, avendo quindi la tendenza a consumare più spuntini, sempre restando di fronte allo schermo e senza badare troppo al cibo scelto. I risultati hanno evidenziato inoltre come mangiare davanti al pc rallenti anche il processo di metabolizzazione del cibo.

Il motivo è facilmente intuibile, mangiando alla scrivania si tende a riempirsi di maggiori quantità di cibo, senza prestare la dovuta attenzione al pasto scelto e senza “assaporare” e “gustare” ciò che si sta mangiando, riducendo quindi le possibilità di arrivare ad un senso di sazietà al momento giusto.

Ricordiamoci quindi che consumare un pasto davanti al computer mentre si lavora invece che tranquillamente seduti a tavola può portare ad ingrassare, perché  l’attenzione viene deviata dall’attività principale, ovvero il mangiare, portandoci a masticare di meno e ingerire il cibo più velocemente, con conseguenze negative, sia sulla sazietà, sia sull’umore. Per cui lontano dal pc alla prossima pausa pranzo!!!!

Articolo precedenteIl tè verde
Articolo successivoBiscotti occhio di bue e marmellata
“La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno” (Francis de Croisset). Questa è la frase che più mi rappresenta, che riesce ad esprimere appieno la mia passione per la lettura e per i libri come oggetto di cultura capace di conservarsi per sempre. Mamma e donna, scrittrice nei ritagli di tempo, attratta dal mondo della moda. Qualcuno mi definisce un'esteta ma io semplicemente: "passionale" con un amore innato verso la bellezza e soprattutto del mondo del benessere e delle regole per uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente.