CONDIVIDI

Chi è appassionato di cucina salutare conosce tutti i benefici dei germogli, che siano di cereali, legumi o verdure. Inoltre, oltre ad essere un concentrato di nutrienti, sono davvero buonissimi! E’ incredibile come, così piccoli, riescano a contenere tanto gusto e sapore. Sono anche molto belli da vedere, danno un tocco in più anche ad una semplice insalata.

[adsense]

Purtroppo non è proprio così facile trovarli, a differenza di quanto si creda. Leggendo e spulciando, ho cercato i modi per fare dei germogli senza attrezzature particolari, con quello che c’è in casa. Ebbene, in molti casi è molto semplice, come per i germogli di lenticchie.

Quando si percorrono queste strade bisogna essere consapevoli del fatto che ci vuole pazienza, ma ne vale la pena. Fare i germogli di lenticchie in casa è stato davvero facile. Inutile dire quanto siano buoni. Sono più digeribili delle lenticchie ed hanno maggiori proprietà nutritive.

I germogli di lenticchie si possono mangiare crudi, in insalate, dip o crostini. E ovviamente cotti, aggiunti a zuppe o minestre. In qualunque preparazione decidiate di impiegarli, saranno più digeribili e nutrienti.

Ingredienti:

  • lenticchie biologiche
  • un contenitore in vetro, va benissimo un comune barattolo
  • della garza
  • un elastico

Preparazione:

Laviamo bene le lenticchie e mettiamole in ammollo in un contenitore per 12 ore. Trascorso questo tempo, siamo pronti per le operazioni che ci porteranno a realizzare i germogli.

Laviamo nuovamente le lenticchie, le scoliamo e le mettiamo nel nostro barattolo in vetro. Copriamo con la garza, la fermiamo con l’elastico e mettiamo il barattolo con le nostre lenticchie a testa in giù per qualche minuto, per far uscire l’acqua in eccesso.

Due volte al giorno dobbiamo ripetere queste operazioni, avendo cura di sciacquare delicatamente le lenticchie che già dal secondo giorno inizieranno a germogliare. Dopo cinque giorni i nostri germogli di lenticchie sono pronti per essere consumati.

A questo punto vanno conservati in frigorifero, sciacquati ogni giorno e scolati bene. Consiglio di consumarli prima che spuntino le foglioline, a quel punto inizieranno a perdere nutrienti. Provate anche voi a farli a casa, aspetto i commenti sui vostri esperimenti!

[adsense2]

Articolo precedenteSalmone e verdure alla piastra
Articolo successivoElisir per la nostra salute: gli infusi di frutta
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.