CONDIVIDI

La tiroidite è un’infiammazione di natura autoimmune ormai molto diffusa, che provoca degli squilibri che possono avere delle conseguenze. La tiroide è una ghiandola che produce un ormone, la tiroxina, che regola funzioni fondamentali per il nostro benessere, come il metabolismo, il ritmo cardiaco, lo sviluppo del sistema nervoso e della muscolatura.Il malfunzionamento di questa ghiandola comporta di conseguenza un maggiore o minore presenza di questo ormone, a danno del corretto funzionamento del nostro organismo. 

In generale per aiutare la tiroide occorre prediligere alimenti antinfiammatori e nutrienti (zinco, ferro, vitamine del gruppo A, B e D, gli omega 3, proteine) evitando quelli che invece risultano infiammatori come i cibi confezionati, raffinati, zuccheri e grassi idrogenati, curando l’intestino e favorendo la disintossicazione dell’organismo attraverso l’eliminazione di tossine e metalli pesanti. Uno stile di vita attivo contribuisce al giusto equilibrio generale.

L’ipertiroidismo, e quindi una maggiore presenza dell’ormone tiroideo, provoca eccessivo dimagrimento, ansia, debolezza. E’ importante quindi integrare l’alimentazione di sali minerali e di vitamine, ricca di fibre ma povera di calorie. Preferire tra gli alimenti: le crucifere, i legumi, cibi integrali, pesci d’acqua dolce. Evitare cibi grassi, salati, spezie, fumo e alcol.

Chi soffre di ipotiroidismo tende ad accumulare chili di troppo difficili da smaltire, manifesta irritabilità, stanchezza. Evitare alimenti e sostanze che possano essere infiammanti, come il latte, l’alcol, il caffè. Consigliato l’olio di cocco, che stimola l’attività della tiroide, quindi ottimo nei dolci e per condire, insieme a olio extravergine d’oliva, limone, aceto, spezie e aromi.

Scegliere alimenti ricchi di iodio, come pesce e molluschi, e dal potere saziante e poche calorie, come verdure e proteine (vegetali e carni bianche). Alimenti ricchi di iodio da preferire sono, citandone alcuni: noci, cocco, nocciole, lenticchie, pomodori e mele. Cereali, carne e pesce contengono selenio, altro componente indispensabile.

Articolo precedentePane pita alla piastra
Articolo successivoI 38 anni di Meghan Markle in 10 curiosità!
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.