CONDIVIDI

Agosto, tempo di ferie e vacanze. Armate dei nostri bagagli e tanta voglia di relax siamo pronte per giungere alle destinazioni programmate. Ma spesso l’entusiasmo ci espone a rischi inutili, dimenticando che anche in vacanza occorre prestare attenzione al nostro benessere e alla nostra salute.

In queste calde giornate bisogna fare attenzione ai colpi di calore, specie in bambini e anziani. Il colpo di calore è causato da un aumento della temperatura corporea, quando il corpo non riesce, attraverso la sudorazione, a riportarla sotto i livelli critici senza scosse per l’organismo.

I sintomi del colpo di calore possono essere nausea e vomito, cefalea e vertigini, tachicardia, ronzio alle orecchie. La temperatura sale, la sudorazione si arresta, si diffonde un senso di generale malessere.

E’ importante intervenire immediatamente, perchè in questi casi l’aumento di temperatura può comportare gravi danni. Chiamare subito i soccorsi e nel frattempo, cercare di abbassare la temperatura con impacchi freddi a livello di fronte, ascelle e inguine e idratare l’organismo con bevande fresche. 

Prima di arrivare a questo, possiamo e dobbiamo prevenire il colpo di calore. Evitare di esporsi nelle ore centrali della giornata, ma anche di fare sforzi o sport, specie in presenza di forte umidità. Idratarsi bene, anche con l’alimentazione, con cibi ricchi di sodio e potassio. Infine, proteggersi il capo, indossare abiti chiari, bagnarsi e mantenere la cute umida.

Articolo precedenteBun, burger di salmone e salsa yogurt
Articolo successivoPrada Re-Nylon: l’ iniziativa Prada per la sostenibilità
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.