insalata di pollo e uova sode

Un’insalata fresca e nutriente, con una buona dose di proteine grazie alle uova sode ed al petto di pollo. La carne bianca, essendo più leggera e digeribile, è consigliata con il caldo più che quella rossa. Ovviamente da cucinare in modo leggero, senza troppi grassi che vanno ad appesantire. Ma anche l’occhio vuole la sua parte per essere sazi!

Usare il petto di pollo in una insalata eviterà l’effetto poco appetibile di una semplice fettina nel piatto. Possiamo anche lessare la carne di pollo, ma cotta semplicemente su una padella antiaderente, oppure una piastra, sarà più saporita. Gli altri ingredienti, come pomodori e fagiolini, completano il piatto, rendendolo adatto a un pranzo leggero ma nutriente.

Ingredienti:

  • 500 g di petto di pollo
  • 4 uova a temperatura ambiente
  • 100 g di fagiolini
  • 1 manciata di pomodorini misti
  • ½ cipolla rossa
  • 1 falda di peperone rosso
  • sale, pepe, olio evo q.b.

Procedimento:

Laviamo e puliamo i fagiolini, tuffandoli in acqua bollente salata per circa 10 minuti. Scoliamo, mettiamoli in acqua e ghiaccio per raffreddarli. Scoliamo e mettiamo da parte. 

Prepariamo le uova, ponendole in un pentolino con acqua a coprirle completamente. Faccaimo cuocere per 13 minuti dal bollore, scoliamo e raffreddiamo sotto acqua fredda. Puliamo le uova sode e tagliamole a metà.

Nel frattempo, tagliamo il petto di pollo a cubetti e mettiamoli a cuocere su una padella antiaderente calda o una piastra. Proseguiamo, rigirandoli ogni tanto, fino a cottura. 

In una insalatiera mettiamo i pomodorini, lavati e tagliati a metà, la cipolla affettata sottile, e le olive. Aggiungiamo i fagiolini, le uova sode e il petto di pollo, condiamo con sale, pepe e olio a piacere e mescoliamo delicatamente.

Articolo precedenteSOS cistite: consigli per prevenirla e curarla
Articolo successivoI benefici dell’acqua di cactus
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.