CONDIVIDI

Nessuna dieta può garantire da sola un dimagrimento qualitativamente soddisfacente, perché la riduzione delle calorie senza un costante incremento dell’attività muscolare non fa perdere soltanto del grasso superfluo, ma coinvolge anche il patrimonio proteico impoverendo organi, muscoli e globuli rossi.

Solitamente l’interesse della maggior parte di noi è concentrato sul peso, ma l’obiettivo da raggiungere deve essere la perdita dell’eccesso di grasso, riducendo al minimo la perdita di massa muscolare, invece le diete drasticamente ipocaloriche sono accompagnate anche da perdita di massa muscolare.

Esistono delle generiche tabelle di riferimento che distinguono diverse fasce di valori in base alla costituzione del soggetto (normotipo, brevilineo, longilineo). Qualsiasi tabella, però, nasce dalla media delle misurazioni e risente perciò del gruppo etnico, del comportamento alimentare e dello stile di vita dei soggetti esaminati, quindi il problema del peso/forma non può essere risolto rifacendoci a queste tabelle annesse alle bilance elettroniche.

Infatti due soggetti con uguale altezza e peso potrebbero avere una percentuale di massa grassa diversa e questo comporterà conseguenze diverse sullo stato di salute e sulla suscettibilità a certe malattie croniche-degenerative.

Quindi la bilancia non è in grado di distinguere se il peso è dovuto ad un accumulo di grasso in un individuo sedentario o alla massa muscolare di uno sportivo.

La stessa cosa vale per il BMI (Body Mass Index) o IMC (Indice di Massa Corporea), il quale fa riferimento solo al rapporto peso/altezza senza una più dettagliata stima della composizione corporea, pertanto non consente di distinguere quale sia il contributo percentuale della massa magra e della massa grassa nel totale della composizione fisica.

Se ci si dovesse riferire solo al rapporto peso/altezza si arriverebbe a considerare obeso un culturista o normopeso un soggetto con un’elevata percentuale di massa grassa che ha ridotto, a causa della sua sedentarietà, il suo patrimonio muscolare controbilanciandolo con una quantità di grasso che eccede i limiti di sicurezza.

Pertanto per una valutazione della massa corporea fate riferimento sempre al vostro medico di fiducia o ad un nutrizionista esperto che con la bioimpedenziometria, uno strumento che si basa sul passaggio nel corpo di una corrente elettrica a basso voltaggio e, attraverso varie misurazioni,  saprà dirvi con certezza il vostro stato di forma.

Articolo precedenteI 44 anni di Charlize Theron in 10 curiosità!
Articolo successivoAllergie e cibo spazzatura
“La moda passa, lo stile resta” (Coco Chanel). Amo creare uno stile unico, che sia sempre elegante, particolare e mai scontato dove assolutamente nulla sia lasciato al caso: il mio stile. Sono una farmacista di professione, blogger per passione. Sono specializzata in cosmesi, scrivo e sono alla continua ricerca di confronti e nuove ispirazioni. Amo viaggiare e raggiungere mete non comuni. Amo la gente, amo la vita e pratico “yoga” per alimentare corpo, mente e anima. Adoro il vivere bene e soprattutto sano per la naturale bellezza e il benessere psico fisico.