CONDIVIDI

Sono sempre più diffuse le allergie alimentari, che colpiscono sia in età adulta che infantile. Si cerca di capire se l’incremento di queste allergie è da attribuirsi all’aumento progressivo del consumo di cibo-spazzatura. In seguito alla sua frequente assunzione, ci potrebbe essere un incremento di composti in grado, oltre un certo limite, di causare effetti dannosi per la salute, tra i quali la capacità di sviluppare un’iperreattività nei confronti di alcuni allergeni alimentari.

Questi composti si trovano soprattutto nei dolci, nei prodotti da forno, fritti e negli alimenti di origine industriale. Abusare di alimenti che contengono questi composti potrebbe innescare una risposta di difesa da parte del nostro organismo, scatenando allergie. Nei bambini, che hanno un sistema immunitario più fragile, queste reazioni potrebbero essere più probabili.

Sebbene gli studi a questo proposito non abbiano ancora raggiunto un risultato certo e definitivo, è sicuramente preoccupante il dato che le allergie nei bambini sia in forte crescita, unito al consumo di cibo spazzatura. Che comporta anche molti altri danni al nostro organismo, senza considerare la totale mancanza di nutrienti e benefici. Senza attendere che questa ipotesi possa essere confermata, è importante prevenire qualsiasi problematica, specie nei bambini, e impegnarci nella loro educazione ad abitudini alimentari sane.

Articolo precedenteQuando perdere un chilo fa bene?
Articolo successivoAsos Tall: la nuova collezione dedicata alle donne alte.
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.