aloe

L’aloe è una pianta appartenente alla famiglia delle succulente nota per le sue molteplici proprietà, antinfiammatorie, cicatrizzanti, nutrienti e depurative. Vediamo alcuni dei suoi benefici nel dettaglio. 

Come immunostimolante è un valido aiuto in caso di allergie e malattie autoimmuni, nonché in caso di malattie da raffreddamento e influenza. Come antinfiammatorio l’aloe aiuta a contrastare i dolori muscolari e articolari, e i problemi osteoarticolari come artrite e reumatismi.

Grazie alla sua azione antiossidante, l’aloe è in grado di combattere i danni causati dai radicali liberi, e quindi rallentare il processo di invecchiamento cellulare. E’ un valido integratore alimentare, per il benessere della pelle e dei capelli, e un ottimo disinfettante per il cavo orale. Alcuni prodotti a base di aloe opportunamente trattati vengono usati come lassativi. In generale, l’aloe aiuta il buon funzionamento della flora batterica.

Dalle sue foglie si estrae sia un gel, contenuto all’interno della foglia che si ottiene per spremitura, che un liquido, che fuoriesce dalla pianta al momento del taglio. L’aloe vera è la pianta più usata in fitoterapia, che sfrutta le proprietà di questa pianta nelle due forme citate, succo e gel.

Il succo di aloe viene utilizzato per il trattamento dei sintomi del colon irritabile e in generale per il corretto funzionamento dell’apparato digerente. Le sue proprietà infatti agiscono difendendo le pareti dello stomaco dai succhi gastrici o dagli agenti irritanti. Inoltre favorisce la disintossicazione dell’organismo, aiutando l’azione depurativa del fegato.

Il gel viene più comunemente usato per trattare irritazioni della pelle, quali scottature solari, puntura di insetti, irritazioni cutanee, dermatiti, grazie alle sue proprietà antinfiammatorie, lenitive, idratanti e cicatrizzanti, nonché stimolanti della rigenerazione cellulare.

Prima di utilizzare il succo o il gel di aloe, soprattutto per consumo interno, è bene chiedere consiglio al proprio medico. L’aloe ha comunque delle controindicazioni, dannose per chi ha delle problematiche, quali per esempio problemi epatici o intestinali. Non va comunque somministrato ai bambini, alle donne in gravidanza o allattamento.

Articolo precedenteAgosto, anche la dieta va in vacanza!
Articolo successivoPancake, la colazione della domenica
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.