CONDIVIDI

Il mondo della gravidanza è tanto affascinante quanto misterioso e scienziati e studiosi di tutto il mondo dedicano interi studi alla scoperta di nuove peculiarità in grado di svelarne sempre più i suoi segreti.

Da sempre si afferma che le cellule della mamma siano in grado di comunicare con quelle del feto ed ora ne arriva la conferma dalla University of Texas Medical Branch a Galveston, la quale ha pubblicato un nuovo studio sull’American Journal of Obstetrics and Gynecology.

Ramkumar Menon, autore più autorevole dello studio, spiega: “Durante la gravidanza vi è una comunicazione costante tra cellule materne e fetali utilizzando ‘sacche’ piene di sostanze chimiche chiamate esosomi.

Le nostre ricerche precedenti hanno dimostrato che gli esosomi fetali segnalano al corpo della madre che gli organi sono completamente maturati, il che innesca il travaglio e il processo che porta al parto. Abbiamo cercato di saperne di più sulla portata e le capacità di questo sistema di comunicazione al fine di sviluppare nuovi modi per monitorare e supportare il feto durante la gravidanza”.

I primi studi per testare la funzione dell’esosoma, sono stati effettuati su topi appositamente modificati geneticamente per far sì che determinate proteine esosomiche si illuminassero di un rosso e verde fluorescente quando i campioni di sangue e tessuto venivano visualizzati al microscopio per distinguere tra quelli del feto e della mamma.

L’analisi ha rivelato che esiste un vero e proprio scambio di esosomi dalla mamma verso il feto e viceversa: isolare e rintracciare gli esosomi fetali che viaggiano verso la parte materna è un utile indicatore della salute e dello sviluppo del feto che può essere misurato in campioni di sangue materno.

Menon inoltre afferma: “Abbiamo appena ricevuto un contratto triennale da 1,5 milioni di dollari, per testare un nuovo approccio nel trattamento delle nascita pretermine. Verificheremo l’utilità di farmaci racchiusi in esosomi che possono potenzialmente attraversare la barriera della placenta, raggiungere il feto e prevenire l’infiammazione fetale, una delle principali cause della nascita pretermine per la quale non esiste attualmente alcun trattamento farmacologico”.

La scienza fa un altro passo da gigante verso la scoperta del tanto affascinante quanto coinvolgente mondo della gravidanza e chissà il futuro cosa potrà ancora riservarci.

Articolo precedentePane grattugiato aromatizzato
Articolo successivoTiffany annuncia il lancio della prima collezione maschile a ottobre!
“La moda passa, lo stile resta” (Coco Chanel). Amo creare uno stile unico, che sia sempre elegante, particolare e mai scontato dove assolutamente nulla sia lasciato al caso: il mio stile. Sono una farmacista di professione, blogger per passione. Sono specializzata in cosmesi, scrivo e sono alla continua ricerca di confronti e nuove ispirazioni. Amo viaggiare e raggiungere mete non comuni. Amo la gente, amo la vita e pratico “yoga” per alimentare corpo, mente e anima. Adoro il vivere bene e soprattutto sano per la naturale bellezza e il benessere psico fisico.