CONDIVIDI

Ci sono in natura piante disintossicanti e depurative che hanno la capacità di permettere al nostro organismo di eliminare le tossine. Un regime alimentare sbagliato, lo stress, poca attività fisica, o cattive abitudini come fumo o alcol possono essere la causa dei nostri malesseri. Il fegato, appesantito e malfunzionante, non riesce ad espletare le sue normali funzioni di “pulizia” del nostro organismo. Gli effetti sono subito evidenti: sonnolenza, malumore, mal di testa, gonfiore. Che fare in questi casi?

Le piante disintossicanti e depurative ci possono aiutare, per aiutare il fegato in modo naturale. In commercio esistono diversi integratori, ma può essere una buona abitudine fare ricorso alle tisane. Piante come tarassaco, carciofo, cardo mariano e ortica sono le più diffuse da trovare in erboristerie o farmacie specializzate, sfuse o già in comodi e pratici filtri. 

Il tarassaco è utile per il buon funzionamento del pancreas, aiuta l’attività diuretica dei reni e stimola il buon funzionamento del fegato. Anche il cardo mariano ha dei principi attivi che proteggono il fegato. Carciofo, ortica e cicoria sono verdure dalle notevoli proprietà depurative, e possono essere inserite nella nostra alimentazione: aiutano la digestione e stimolano la diuresi. Per pulire il sangue e favorire una buona attività renale ci può aiutare la betulla.

Articolo precedenteCapelli secchi: al via con le maschere fai da te post estate
Articolo successivoSauerkraut, i cavoli fermentati
“La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno” (Francis de Croisset). Questa è la frase che più mi rappresenta, che riesce ad esprimere appieno la mia passione per la lettura e per i libri come oggetto di cultura capace di conservarsi per sempre. Mamma e donna, scrittrice nei ritagli di tempo, attratta dal mondo della moda. Qualcuno mi definisce un'esteta ma io semplicemente: "passionale" con un amore innato verso la bellezza e soprattutto del mondo del benessere e delle regole per uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente.