CONDIVIDI

Abbiamo detto più volte quanto sia importante la salute del nostro intestino, in quanto il suo corretto funzionamento comporta, oltre che l’eliminazione delle sostanze di rifiuto, la buona salute di tutto il nostro corpo. Ma forse non tutti sanno che nell’intestino vivono decine di tipi di patogeni, tra cui fermenti lattici, batteri, lieviti e funghi in misura elevatissima. In generale, quella che comunemente viene denominata flora batterica.

Un sistema così complesso è facile che possa non sempre funzionare bene. Una alimentazione scorretta, influenze, forte stress o una vita sregolata possono incidere negativamente sulla flora batterica. Ma esistono cibi e integratori che possono aiutarci sia a ristabilire l’equilibrio dell’intestino, sia a prevenire i disturbi.

Una buona abitudine è di inserire regolarmente nella propria alimentazione i cibi fermentati, come per esempio i krauti, ovvero i cavoli fermentati. Contengono preziosi enzimi che facilitano la digestione, per cui è sufficiente assumerne uno o due cucchiai prima dei pasti principali per migliorare la salute intestinale. Si trovano facilmente in commercio, ma è altrettanto semplice, preparare i cavoli fermentati in casa.

Altri fermenti lattici li possiamo assumere con yogurt, kefir, probiotici, tutti quegli alimenti naturalmente fermentati, o con gli opportuni integratori. Molto comune il ceppo dei lactobacilli, che sopravvive molto bene nel nostro sistema gastrointestinale. Quali sono, in generale, le loro proprietà? Scongiurano infezioni e infiammazioni, riducono il rischio di allergie, potenziano il sistema immunitario, e in generale regolano ripristino e il regolare funzionamento della flora intestinale. Alcuni fermenti si sono rivelati utili nel trattamento di patologia del sistema vulvovaginale. anche in questo casi, in presenza di patologie, consultare il proprio medico per una scelta adeguata.

Articolo precedenteL’Avocado contro le “rughe d’espressione”
Articolo successivoGastrite e acidità di stomaco, la dieta giusta
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.