aceto di mele

Ricordo che un tempo l’unico aceto in dispensa era quello di vino bianco. Condimento di ogni tipo di insalata, era una sorta di rimedio universale in cucina, per igienizzare pentole e stoviglie, o per dare morbidezza al bucato. Ora le cose sono cambiate, e il mercato offre una varietà di prodotti a cui è difficile resistere. E a proposito di aceto, i più diffusi sono quello balsamico e l’aceto di mele.

Per chi non ama i gusti forti, l’aceto di mele è più indicato in quanto ha un sapore più delicato. Ma forse non tutti sanno che considerarlo un semplice condimento è riduttivo. Infatti rappresenta un vero e proprio alimento terapeutico. Il consiglio è di scegliere un aceto di mele biologico e non filtrato, più ricco di fibre, pectine e sostanze enzimatiche. Prodotto dal sidro o dal mosto, ha poche calorie (21 contro le 88 dell’aceto balsamico), quindi non temiamo per il girovita.

Vediamo quali sono le proprietà di questo alimento. E’ un potente depurativo, alcalinizzante e tonificante. Contrasta l’acidità e stimola il metabolismo dei grassi. Allevia le infiammazioni e favorisce la digestione. Nutre la flora batterica ed ha un’azione detossinante su fegato e intestino. Favorisce l’equilibrio intestinale e delle vie urinarie, ed ha una potente azione rimineralizzante, grazie al suo contenuto di potassio e magnesio, calcio, fosforo e ferro. Per questo è consigliato anche a chi fa sport o soffre di eccessiva sudorazione.

Come usare, dunque, l’aceto di mele per trarne benefici? Innanzitutto come condimento. Più saporito, comporta l’uso di meno sale, ha un sapore più delicato, facilita la digestione e contrasta le fermentazioni. Possiamo usarlo per preparare vinaigrette e salse. Per esempio, frulla un cucchiaio di aceto di mele con un vasetto di yogurt e delle erbe aromatiche a piacere, avrai una deliziosa salsa. Oppure, possiamo aggiungerne un cucchiaio a frullati e succhi di frutta fresca. E per iniziare bene la giornata, bevi una tazza di acqua con due cucchiai di aceto di mele, un vero drink del benessere.

Articolo precedenteSali aromatici, più gusto in cucina
Articolo successivoMiu Miu per Women’s Tales: fusione perfetta tra arte e moda
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.