Pita al kefir, il pane per lo street food fatto in casa - DonnaPress
Pubblicato il: 9 Settembre 2019 alle 3:02 pm

La pita al kefir è un pane delizioso e leggero, facilmente arrotolabile, così possiamo farcirlo a piacere per gustare in casa un ottimo street food!

La pita al kefir è soffice e leggera, appena croccante fuori, quel tanto che non impedisce di arrotolarla facilmente. Questo permette di farcirla e prepararla come preferite, con la carne o con le verdure. Essendo molto morbida, una volta farcita potete anche passarla sulla piastra, specie se tra gli ingredienti avete del formaggio filante.

Essendo un’appassionata di hummus, salse e intingoli, confesso che spesso me li gusto con la pita al kefir. Che poi, con questa sua forma tonda, mi fa venire in mente la mortadella! Vogliamo provare quest’accoppiata, per uno stuzzichino semplice, veloce, ma dalle grandi doti conquistatrici? Ebbene si, anche se la pita ci fa venire in mente ricette della Grecia o del Medio Oriente, è perfetta anche con le nostre specialità, specie salumi e formaggi spalmabili.

E’ molto semplice preparare la pita al kefir, l’impasto si lavora facilmente, è molto morbido. La cottura è uguale al pane pita alla piastra senza glutine. Si conservano un paio di giorni senza perdere morbidezza, soprattutto se conservate in un sacchetto di cotone. Diversamente, si possono congelare, avendo cura di inserire tra ciascuna pita un foglio di carta forno. In questo modo non si attaccheranno tra loro e sarà facile poi scongelare la quantità che vi occorre.

Ingredienti:

  • 400 g di farina di grano duro
  • 1/2 cubetto di lievito di birra fresco
  • 150 g di kefir cremoso
  • 150 g di acqua tiepida
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 cucchiaio di miele
  • 2 cucchiai di olio evo

Procedimento:

Versiamo la farina sulla spianatoia oppure nella ciotola della planetaria. Sciogliamo il lievito nell’acqua tiepida con il sale e uniamo il tutto alla farina. Iniziamo ad impastare.

Aggiungiamo gli altri ingredienti, ovvero il kefir, il miele e l’olio. Impastiamo per qualche minuto, finché l’impasto è elastico e sodo. Se usiamo la planetaria, impastiamo finché il composto si incorda alla frusta a gancio.

In una ciotola capiente appena unta di olio mettiamo l’impasto, coperto con un cannovaccio pulito. Lasciamo lievitare al riparo almeno un paio d’ore, o comunque fino al raddoppio del volume.

Riprendiamo l’impasto, rovesciamolo sulla spianatoia e dividiamolo in 10 parti. Le copriamo e le lasciamo lievitare per una trentina di minuti.

Mettiamo a scaldare sul fuoco una padella antiaderente o una crepiera. Preleviamo una porzione di impasto e stendiamo, con le dita o con il mattarello, dandogli la forma tonda.

Mettiamo a cuocere la pita al kefir, giriamola quando in superficie iniziano a formarsi delle bolle e portiamo a cottura. Ci vogliono circa 3 minuti per lato. Procediamo fino al termine dell’impasto.

DonnaPress è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News e Google Discover, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie SEGUICI QUI