CONDIVIDI

L’olio si semi di lino ha preziose proprietà utili per prendersi cura in modo naturale della bellezza del nostro corpo.

L’olio di semi di lino si ottiene dai piccoli frutti dell’omonima pianta, di colore brunastro, ricchi di mucillagini dalle proprietà lassative, emollienti e protettive. Se queste proprietà li rendono utili per la salute del corpo, è altrettanto vero che i semi di lino sono alleati della bellezza. Per cui è facile immaginare che anche l’olio estratto da questi preziosi semi sia altrettanto efficace. Vediamo alcuni esempi.

L’olio di lino è considerato un potente antiossidante, disponibile anche sotto forma di perle, pronte da ingerire, come integratore naturale. Viene impiegato soprattutto per la cura della pelle e dei capelli. Infatti, viene impiegato per nutrire i capelli spenti, sfibrati e danneggiati, grazie alle sue elevate proprietà emollienti. E’ molto efficace sui capelli dopo l’asciugatura per eliminare l’effetto crespo e per lucidarli.

Possiamo sottoporci ad un semplice trattamento prima dello shampoo per la salute dei capelli. Stendiamo due cucchiai di olio sui capelli inumiditi, solo sulle lunghezze. Avvolgiamo i capelli in un asciugamano o copriamo con una cuffia per la doccia. Lasciamo in posa trenta minuti e poi laviamo, con uno shampoo delicato. Oppure possiamo aggiungere qualche goccia di olio al balsamo. Il risultato sarà comunque una chioma voluminosa e splendente.

Le proprietà emollienti dell’olio di semi di lino ci permettono di usarlo su viso, collo e mani come nutriente, elasticizzante e lenitivo. Possiamo usarlo per fare degli impacchi sulla pelle dei piedi, per ridurne la ruvidezza. Ricco di grassi buoni, favorisce l’ossigenazione e il ricambio cellulare, e quindi meno rughe, e una pelle liscia e setosa e ben nutrita. Può anche essere usato come struccante naturale, su una spugnetta umida: elimina ogni traccia di trucco, idrata e lenisce.

E’ importante la conservazione dell’olio di semi di lino, che tende a irrancidire e diventare meno efficace. Per evitarlo, è sufficiente conservarlo in frigo e consumarlo entro un paio di settimane.

Articolo precedenteConfettura di mirtilli e cipolla rosata
Articolo successivoSemi di zucca, piccoli alleati della salute
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.