CONDIVIDI

Questa ricetta fa al caso vostro se cercate un piatto originale con cui sorprendere degli invitati. Oppure se volete semplicemente preparare qualcosa di buono per la vostra famiglia. Sono prodotti di stagione esaltati dalla dolcezza del miele e dalla croccantezza del grano saraceno. Se vi piace questa soluzione, potete poi provarlo con altre verdure.

La verza cotta in forno ha un sapore tutto particolare. Adoro i bordi leggermente bruciacchiati, e la mela che diventa morbida e succosa. Un mix quasi agrodolce, un piatto comunque di sostanza. Infatti la presenza delle patate può renderlo benissimo un piatto unico, perfetto a cena. Altrimenti potete completare un pranzo, dopo un primo leggero.

Insomma, una ricetta davvero versatile, un contorno che vi stupirà moltissimo per l’insieme dei sapori. La ricetta, oltre che essere davvero originale, è anche molto semplice e si prepara in pochissimo tempo. il ché è perfetto, non credete?

[adsense]

Ingredienti:

  • 1/2 verza (oppure una piccola)
  • 2 mele
  • 4 patate viola
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cucchiai di grano saraceno
  • 1 cucchiaio di miele
  • sale, olio evo q.b.

Procedimento:

Laviamo e mondiamo tutte le verdure. Rivestiamo una teglia con carta forno. Tagliamo le verdure e le mele con la buccia a spicchi e mettiamo in teglia. Regoliamoci con le dimensioni degli spicchi, più piccoli per le patate, per avere una cottura uniforme.

Prepariamo una emulsione di olio e miele, con mezzo cucchiaino di sale, e irroriamo le verdure. Uniamo il grano saraceno e inforniamo a 200 gradi.

Facciamo cuocere per circa 20 minuti, o comunque finché le verdure non sono cotte e croccanti.

[adsense2]

Articolo precedenteFunghi gallinacci o finferli, 5 ricette facili e veloci
Articolo successivoSalvia, non solo pianta aromatica
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.