CONDIVIDI

Non si tratta di una marca bensì la spugna Konjac è completamente naturale ricavata da un tubero di origine asiatica, ovvero la patata Konjac. Quindi è totalmente biodegradabile, il che la rende un prodotto green. Nell’aspetto di solito è simile ad una mezza sfera, dalle dimensioni variabili a seconda della destinazione d’uso, corredata da un cordino che serve per permettere un’asciugatura perfetta del prodotto.

La spugna Konjac, bagnata diventa molto morbida e porosa, è indicata per detergere ed esfoliare la pelle del viso veramente in profondità, soprattutto le pelli più delicate e sensibili. Ma anche le pelli miste o impure ne trarranno benefici, in quanto purifica in profondità senza aggredire o irritare la pelle. Oltre che per il viso, ci sono formati più grandi adatti alla cura del corpo. Contiene minerali, vitamine, acidi grassi e altre sostanze utili alla bellezza della pelle.

Va utilizzata solo con acqua, in quanto è efficace anche senza alcun prodotto, con movimenti rotatori per favorire il ricambio cellulare. Si può associare a un detergente ma è consigliabile usarne solo un piccolo quantitativo. In ogni caso, va utilizzata dopo aver struccato il viso. L’effetto esfoliante è molto delicato, il consiglio però è evitare il contorno occhi e non bisogna sfregare troppo sulle zone particolarmente colpite dall’acne.

[adsense]

La spugna konjac tradizionale è bianca, adatta a tutti i tipi di pelle, anche dei bambini. Ma in commercio esistono diverse varianti, ottenute grazie all’aggiunta di ingredienti naturali per conferire alla spugna proprietà differenti, tutte di un colore diverso. Vediamo insieme alcune e quali sono le loro caratteristiche.

  • Nera: è ottenuta dal carbone di bambù, consigliata per la pelle giovane, a tendenza acneica. Ha un’azione sebo-regolatrice e aiuta a liberarsi dai batteri responsabili dell’acne. Inoltre previene la comparsa di foruncoli e punti neri.
  • Verde: con argilla, consigliata per le pelli grasse e miste, la spugna con argilla verde è l’ideale per purificare la pelle eliminando le tossine in eccesso. In verde ci sono anche all’aloe, per tutti i tipi di pelle, e alla menta piperita, rinfrescante e tonificante.
  • Rosa: con argilla, è l’ideale se hai la pelle delicata e sensibile, deterge e purifica gentilmente la pelle irritata dall’esposizione a stress ambientali come freddo, sole o aria condizionata.
  • Rossa: ottima per pelli secche e mature, ma anche per pelli problematiche che hanno bisogno di migliorare il tono e ridurre i rossori, come in caso di eczema, psoriasi o rosacea. L’argilla rossa è ricca di ossido di ferro che stimola la rigenerazione cutanea.
  • Viola: la lavanda è indicata per lenire le pelli molto sensibili ed irritate.

[adsense2]

La spugna Konjac sul viso va utilizzata dopo esservi struccate, poi va strizzata e lasciata asciugare per evitare la formazione di batteri a causa del ristagno di acqua. La farete anche durare più a lungo, con un discreto vantaggio anche economico rispetto ai dischetti struccanti. La spugna, usata correttamente, ha un durata di circa tre mesi.

Articolo precedenteLa dieta giapponese è valida come quella mediterranea?
Articolo successivoMiele aromatizzato, come usarlo in cucina
“La moda passa, lo stile resta” (Coco Chanel). Amo creare uno stile unico, che sia sempre elegante, particolare e mai scontato dove assolutamente nulla sia lasciato al caso: il mio stile. Sono una farmacista di professione, blogger per passione. Sono specializzata in cosmesi, scrivo e sono alla continua ricerca di confronti e nuove ispirazioni. Amo viaggiare e raggiungere mete non comuni. Amo la gente, amo la vita e pratico “yoga” per alimentare corpo, mente e anima. Adoro il vivere bene e soprattutto sano per la naturale bellezza e il benessere psico fisico.