CONDIVIDI

La zucca è un ottimo alleato per chi sta attraversando un periodo di gonfiore e ritenzione idrica. Spesso tendiamo ad accumulare troppi liquidi nei tessuti, soprattutto nel cambio stagione questa sensazione può essere più frequente. Ciò che ci preoccupa sono i jeans che improvvisamente stringono in vita. Che fare per correre ai ripari?

La sensazione può essere quella di aver messo su qualche chilo, ma in realtà potrebbe sono essere un problema di liquidi. Inserire per qualche giorno nella dieta la zucca è utile per chi vuole perdere quei chili in poco tempo. Infatti la zucca ha pochissime calorie (18 ogni 100 g), contiene molte fibre, ci sazia, regola le nostre funzioni intestinali e combatte la ritenzione idrica. Oltre ad essere davvero buona e versatile.

L’acqua e il potassio presenti nella zucca favoriscono la diuresi e contrastano la ritenzione dei liquidi, disturbo dovuto spesso ad uno stile di vita poco corretto o poco sano: dieta squilibrata e ricca di sodio, vita sedentaria, scarsa idratazione ne sono i maggiori responsabili. Il consumo di zucca, quindi, facilita l’organismo a liberarsi dai liquidi trattenuti (oltre che da tossine) e a sgonfiarsi.

[adsense]

Qualche giorno di dieta con la zucca è indicata per sgonfiarsi velocemente. L’acqua e il potassio presenti in gran quantità favoriscono la diuresi e contrastano la ritenzione idrica. Si può arrivare ad una perdita di peso di circa 4 chili a settimana in presenza di ritenzione idrica; questo perché aiuta l’organismo a liberarsi dei liquidi trattenuti. La zucca inoltre ha proprietà depurative, per cui consente di eliminare le tossine e regola le funzioni intestinali.

Non da meno sono le proprietà nutritive, come fibre, minerali (tra cui spiccano calcio, fosforo, potassio, zinco, selenio e magnesio) e vitamine, in particolare betacarotene, precursore della Vitamina A, noto per le sue eccellenti doti antiossidanti, Vitamine del gruppo B e Vitamina C. Inoltre questo vegetale è ricco di sali minerali ed oligoelementi. Tutti buoni motivi per farne una scorta, data l’abbondanza stagionale.