CONDIVIDI

Chiunque sia interessato a mantenersi in forma oppure a perdere peso si deve rassegnare, i miracoli o i rimedi facili non esistono. Soprattutto per chi vuole dimegrire, è necessaria costanza, impegno e volontà. Perchè oltre a seguire un regime alimentare, adatto alle nostre necessità (e per questo ci vuole la consulenza di un professionista), ci vuole anche l’attività fisica giusta.

Quindi il primo passo è…alzarsi dal divano! Poi possiamo cercare di mantenere uno stile alimentare che aiuti a controllare il peso, specie se siamo in buona salute. Un esempio può essere la dieta a zona, un regime alimentare ipocalorico e antinfiammatorio che promette di aiutare a perdere peso bilanciando i macronutrienti.

Ideata dal Dottor Barry Sears, ricercatore e biochimico, il quale sostiene che equilibrando i tre macronutrienti (carboidrati, proteine, grassi) si può raggiungere uno stato fisico e mentale ottimale. Questi micronutrienti vanno così distribuiti: 40% di calorie dai carboidrati, 30% dalle proteine, 30% dai lipidi.

[adsense]

Per quanto riguarda l‘apporto energetico complessivo della giornata, alle donne viene consigliato di non superare le 1200 calorie al giorno, mentre gli uomini possono arrivare anche a 1600 calorie. Le regole fondamentali sono, innanzitutto non far trascorrere più di 4-5 ore tra un pasto e l’altro. In pratica, evitare il sopraggiugere dei morsi della fame, che spesso ci fa ricorrere a soluzioni poco salutari. Quindi è opportuno programmare anche gli spuntini di mezza giornata, specie se siamo fuori casa.

Per seguire i principi della dieta a zona, importante è la qualità delle proteine, che dovrebbero provenire soprattutto da fonti come la carne bianca, il pesce e i legumi. Anche i carboidrati sono importanti, basta concentrarsi sugli zuccheri della frutta (lo schema raccomanda il consumo di frutta a basso indice glicemico). Per i lipidi, le linee guida della dieta a zona prevedono l’uso di grassi buoni come l’olio extra vergine di oliva e la frutta secca.

Caratterizzato da una restrizione calorica, questo regime, a detta del suo ideatore, si concentra su quello che fa bene al corpo. L’obiettivo non è solo il controllo del proprio peso corporeo, ma aiutare a modulare la risposta infiammatoria dell’organismo che, non contrastata, può provocare malattie croniche. Queste sono ovviamente linee guida, prima di cominciare qualunque dieta è ovviamente opportuno chiedere consiglio al proprio medico curante nonchè consultare un professionista della nutrizione.

Articolo precedenteChanel porta a Tokyo la mostra itinerante Mademoiselle Privè
Articolo successivoIndia, il dahl di lenticchie
“La lettura è il viaggio di chi non può prendere un treno” (Francis de Croisset). Questa è la frase che più mi rappresenta, che riesce ad esprimere appieno la mia passione per la lettura e per i libri come oggetto di cultura capace di conservarsi per sempre. Mamma e donna, scrittrice nei ritagli di tempo, attratta dal mondo della moda. Qualcuno mi definisce un'esteta ma io semplicemente: "passionale" con un amore innato verso la bellezza e soprattutto del mondo del benessere e delle regole per uno stile di vita sano e rispettoso dell’ambiente.