Tortilla con pancetta e broccoli, cotta in forno

La cottura in forno conferisce a questa tortilla morbidezza e leggerezza, oltre a rendere croccante la pancetta. Vi chiederete come fa ad essere leggera se c’è la pancetta? L’importante, come sempre, è non esagerare. Ne basta una fettina per dare un tocco di sapore ad una tortilla ai broccoli, magari per attirare chi è sempre un pò restio a mangiare le verdure. Ma vedrete che con questa tortilla avrete un successone!

Ingredienti:

  • 300 g di cavolfiore
  • 1 fettina di pancetta sottile
  • 6 uova
  • 150 ml di panna
  • 80 g di formaggio grattugiato
  • 1 cipolla rossa
  • 1 spicchio di aglio
  • sale, pepe, olio evo q.b.

Procedimento:

[adsense]

Laviamo i broccoli e tagliamoli a pezzetti. In una padella antiaderente facciamo appena dorare la pancetta tagliata a pezzetti. Mettiamo da parte.

Nella stessa padella facciamo rosolare aglio e cipolla tritati con i broccoli, per circa 5/10 minuti, regolando di sale e pepe.

Preriscaldiamo il forno a 200 gradi. In una ciotola lavoriamo le uova con la panna, uniamo il formaggio e un pizzico di sale.

Uniamo il composto ai broccoli, aggiungiamo la pancetta e versiamo in una pirofila o una teglia, dopo averla rivestita di carta forno bagnata e strizzata.

Cuociamo la tortilla per circa 20 minuti, finché diventa gonfia e dorata. Lascaimo intiepidire prima di tagliare a fette.

Previous articleDieta contro l’influenza: cosa mangiare per allenare l’organismo
Next articleLetizia di Spagna a Cuba con un look tutto nuovo
Appassionata di scrittura, ma soprattutto di cucina, quella semplice, sentimentale e sincera fatta di segreti tramandati e condivisi, di storie legate alla tradizione e alla famiglia. Spesso salutare ma, che ci volete fare, mangiare è un gran piacere, per cui è anche saporita e succulenta. E’ anche fatta di sogni, di sapori vicini e lontani, per contaminare, sperimentare e scoprire gusti e profumi nuovi. La mia ispirazione viene dai libri, dal web, dal mercato, e dalle persone, con le quali mi piace condividere la tavola. Perché condividere è l'aspetto più bello della cucina.