Christian De Sica, la dura confessione: “Sono rimasto senza soldi, Verdone non ci ha aiutato”

L’attore ha rivelato di essere rimasto senza soldi e ha fatto un’incredibile confessione sulla famiglia Verdone.

Christian De Sica si è confessato su un periodo piuttosto negativo della sua vita, quando era rimasto senza soldi assieme alla moglie e non era stato aiutato da nessuno.

Christian De Sica

I problemi sarebbero sopraggiunti dopo la morte del padre Vittorio De Sica, che avrebbe lasciato così tanti debiti alla famiglia e da ridurli all’improvviso sul lastrico.

Nel corso di una recente intervista, il celebre attore ha svelato i retroscena di un periodo buio della sua vita, quello successivo alla morte del padre Vittorio De Sica, scomparso nel 1974.

All’epoca, Christian aveva 23 anni ed era fidanzato con Silvia Verdone, sorella dell’attore e regista Carlo.

La coppia ha dovuto affrontare alcuni gravi problemi economici, sopraggiunti a causa del debiti lasciati dal padre:

“Io e Silvia, mia moglie, abbiamo sentito i crampi allo stomaco. Mio padre era morto da poco, io ero senza una lira in tasca, avevo solo i debiti precedenti.”

La sua intera famiglia, infatti, finì sul lastrico dopo la morte di papà Vittorio:

“All’epoca saltavamo i pasti… e pensare che vengo da una famiglia all’antica, dove dovevamo stare tutti a tavola e si mangiava dall’antipasto al gelato.”

La dura confessione: “Sono rimasto senza soldi”

Nel corso dell’intervista a Il Fatto Quotidiano, Christian De Sica ha raccontato un dettaglio che ha suscitato qualche perplessità.

L’attore, infatti, ha ammesso di non essere stato mai aiutato economicamente dalla famiglia Verdone, parente della moglie Silvia:

“Io e Silvia dovevamo arrangiarci.”

Fortunatamente, la situazione di De Sica e della sua famiglia è migliorata grazie ai progetti cinematografici e in particolare ai cinepanettoni.

Sembra infine che, nonostante non sia mai stato aiutato dai Verdone, abbia con loro, ancora oggi, degli ottimi rapporti.