CONDIVIDI

Con il termine Vertigini vengono descritte una serie di sensazioni, come la sensazione di svenire, lo stordimento, un senso d’instabilità che genera anche debolezza.

In pratica quando siamo in presenza di vertigini, queste creano nell’individuo che la subisce la falsa sensazione l’ambiente circostante stia girando intorno, o che siamo noi stessi che giriamo e ci muoviamo: questo definisce la vertigine.

Non a caso la provenienza dal verbo latino “verto”, che in italiano vuol dire significa ruotare su sé stessi da origine alla parola vertigini.

Sensazione di vertigini possibili cause.

Le vertigini rappresentano forse uno dei motivi più comuni per cui andiamo dal medico. Se le vertigini si presentano in modo costante possono influire in modo significativo sulla qualità della vita.

Tuttavia questi sintomi così fastidiosi raramente sono il segnale di una condizione pericolosa per la salute.

Sintomi

Le persone che soffrono di vertigini solitamente lo descrivono come:

  • Un falso senso di movimento o rotazione (vertigini).
  • Vertigini accompagnate a volte dalla sensazione di ‘mancare’
  • Non sentirsi stabili, perdita di equilibrio.
  • Una sensazione di galleggiamento nella testa accompagnata da pesantezza.

Questo insieme di ” sensazioni” avvertite in maniera più o meno simile, possono essere innescate o anche peggiorate camminando, alzandosi in piedi o semplicemente muovendo rapidamente la testa.

In alcuni casi, in special modo quando la vertigine è molto accentuata possono essere accompagnate da nausea o essere così rapide nel presentarsi da costringere la persona a doversi sedere, finanche a sdraiarsi.

Un sintomo vertiginoso può durare da alcuni secondi, o durare alcuni giorni, scomparire e poi ripresentarsi.

Quando andare dal medico

È fondamentale consultare il proprio medico se i capogiri oltre ad essere ricorrenti o improvvisi, divengono prolungati accompagnati anche da un sintomo come:

  • Mal di testa improvviso e intenso.
  • Dolore al torace.
  • Difficoltà nel respirare.
  • Insolito intorpidimento di braccia o gambe.
  • Svenimento.
  • Visione doppia.
  • Battito cardiaco accelerato o irregolare.
  • Confusione nell’esprimere un concetto.
  • Difficoltà nel camminare.
  • Vomito.
  • Convulsioni.
  • Cambiamento dell’udito.
  • Senso di intorpidimento del volto.

Cosa causa le vertigini

Le vertigini possono essere dovute a problemi legati all’orecchio interno, derivare dall‘assunzione di alcuni farmaci, o da cinetosi, un disturbo neurologico.

L’assunzione di alcuni farmaci come gli antiepilettici, gli antidepressivi o i sedativi e i tranquillanti, possono avere come reazione il manifestarsi delle vertigini.

Anche i farmaci destinati ad abbassare la pressione sanguigna possono causare un senso di mancamento se abbassano troppo la pressione sanguigna.

Ma potrebbe essere anche dovuti a una cattiva circolazione, infezioni o lesioni.

Sarà il modo in cui si avvertono le vertigini, cosa li scatena che darà i giusti indizi al medico per accertarne le possibili cause.

Quindi è molto importante osservarsi mentre è avviata la sindrome vertiginosa così da descrivere al medico la sensazione che si prova.

Generalmente vengono fatti dei test sul sistema nervoso centrale e sull’orecchio interno per accertarne la causa.

Quando viene ipotizzato un flusso sanguigno insufficiente al cervello,  il medico prescrive l’ecografia doppler, l’angiografia TC, l’angiografia a risonanza magnetica (RM) o l’angiografia con catetere.

Ogni trattamento della vertigine sarà pianificato sulla base della diagnosi del medico.

Altre cause comuni alle vertigini

La malattia di Meniere ad esempio, porta ad un accumulo di liquido nell’orecchio interno.

Alcuni disturbi neurologici, come il morbo di Parkinson e la sclerosi multipla, possono portare a una progressiva perdita di equilibrio.

Ma anche chi soffre di disturbi d’ansia può a volte avvertire delle vertigini o una sensazione di stordimento.
Chi ha bassi livelli di ferro (anemia), o un basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia) può avvertire delle vertigini, che possono essere accompagnate da sudorazione e ansia.

Nella stagione calda, se non si assumono bevi abbastanza liquidi, si possono avvertire vertigini per il surriscaldamento (ipertermia) o per la disidratazione. Una possibilità maggiore se si assumono determinati farmaci per il cuore.

Per chi soffre di vertigini è molto importante evitare lo stress, inoltre è bene crearsi momenti speciali per se stessi e questo nonostante lo stress che la vita spesso impone, che influisce negativamente sulla qualità della nostra vita quotidiana.

Pensando al benessere quotidiano rafforzare il sistema immunitario e mangiare sano, con  alimenti ricchi di proteine ​​contribuirà a restare in forma ed energici.