Maneskin

I vincitori di Sanremo 2021 stanno riscontrando grandi problemi con il loro brano per concorrere all’Eurovision Song Contest.

I Maneskin hanno accettato di stravolgere il loro brano pur di partecipare alla gara internazionale che si terrà nei prossimi mesi.

Maneskin

La canzone con la quale hanno vinto il Festival di Sanremo verrà eseguita diversamente, sulla base del regolamento del concorso.

Gli Eurovision censurano Zitti e Buoni

I Maneskin accedono di diritto all’Eurovision song contest, in quanto vincitori del Festival di Sanremo 2021.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

Il loro brano, Zitti e Buoni, è ai primi posti di tutte le classifiche nazionali e sta riscuotendo un ottimo successo.

Peccato, però, che i responsabili del concorso internazionale lo abbiano censurato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)

In base al regolamento, infatti, non possono essere eseguiti brani più lunghi di 3 minuti né possono essere accettate imprecazioni e turpiloqui.

Ecco la reazione dei Maneskin

I Maneskin hanno dovuto, quindi, accorciare il loro brano e cambiare due parti della canzone:

“Vi conviene toccarvi i cogli*ni” diventerà “vi conviene non fare più errori” e “non sa di che caz*o parla” sarà “non sa di che cosa parla”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Måneskin (@maneskinofficial)


Dopo l’adeguamento di Zitti e Buoni al regolamento del concorso, i Maneskin hanno dichiarato:

“Non ci ha fatto piacere, l’abbiamo fatto perché altrimenti ci avrebbero squalificato. Abbiamo tolto una parolaccia, è stata una scelta di buon senso. Bisogna anche rendersi conto della realtà dei fatti, siamo ribelli, ma non scemi”.

Una reazione forte, che però dà prova della loro grande maturità artistica e professionale.

Nonostante il brano dei Maneskin sia stato completamente stravolto, il pubblico è comunque felice di poterlo riascoltare.

Agli Eurovision, la band avrà la possibilità di trionfare, battendo gli altri Paesi in gara.