collant
Con i collant possono essere realizzate anche delle spugne.

Con il riciclo creativo anche i vecchi collant possono trovare un nuovo utilizzo come un pratico sacchetto porta tutto.

collant
Con i collant possono essere realizzate anche delle spugne.

Sono molte le ragazze che, soprattutto nel periodo invernale, indossano i collant, sfortunatamente però questi si rovinano spesso costringendoci a buttarli o comunque non poterli più indossare.

Con le loro proprietà antistatiche i collant possono aiutare nella pulizia

Oggi però vi mostreremo diversi altri utilizzi che possono prendere i nostri vecchi collant con l’aiuto del riciclo creativo. E’ proprio una delle prerogative di quest’ultima, infatti, ridare nuova vita a prodotti che ormai sembrano condannati alla discarica.

Ad esempio, infatti, le nostre vecchie calze, grazie alle loro proprietà antistatiche, potranno diventare dei comodi panni cattura polvere. Per farlo basterà infilare la mano all’interno del collant e passarlo sulle superfici di mobili e piccoli oggetti.

Non solo mobili, anche i pavimenti sporchi saranno un lontano ricordo tagliando la calza ed infilandola in una scopa. Questo metodo, infine, è particolarmente efficace per rimuovere i peli di cani e gatti in giro per la casa.

Inoltre, le calze saranno un grande alleato anche per il lavello in acciaio  inserendo all’interno un cucchiaio di bicarbonato con qualche goccia di limone e poi chiudere la calza, inumidirla e utilizzarla come se fosse una spugna.

Passando al secondo utilizzo, i collant possono essere degli ottimi ferma spifferi in sostituzione dei soliti metodi. Per utilizzarli basterà tagliarli a metà e riempire una sola gamba di straccia prima di posizionarla sotto la porta.

I sacchetti porta oggetti potranno essere resi profumati con dei fiori essiccati

Passando ai nostri modelli maggiormente danneggiati o smagliati, essi possono diventare dei comodi sacchetti porta oggetto profumati. Bisognerà tagliare i collant formando tanti piccoli sacchettini e riempirli di fiori essiccati, riuscirete a trovarli in qualsiasi negozio per la casa.

Ma non solo, per impregnare le nostre vecchie calze andranno benissimo anche spezie come il rosmarino. Il sacchetto, infine, potrà essere posizionato all’interno dell’armadio diffondendo il suo aroma per tutto l’immobile.

Parlando di oggetti comunque legati all’armadio non si può non citare l’uso delle calze come stampelle appendi abiti. Infilando il collant nelle maniche di un capo particolarmente delicato ed attaccandogli le molle da bucato direttamente sulla calza, infatti, proteggeremo i capi senza rovinarli.

Ci sono persino degli usi legati agli elettrodomestici dove i nostri vecchi abiti possono profumare l’interno della nostra lavatrice con un processo molto simile a quello descritto per l’armadio. In questo caso, però, per disinfettare l’odore useremo la calza impregnata di succo di limone.

Processo uguale, inoltre, anche per le lavastoviglie. Un modo decisamente creativo, invece, di usare il riciclo creativo è quello di andare a creare degli elastici per capelli. Per farlo basterà tagliare i collant a striscioline per poi attorcigliarli con una ciocca di capelli come se stesse creando un bigodino.

Procedimento leggermente diverso per uno chignon dove avvolgeremo i capelli attorno ad un dito fino ad aver arrotolato tutta la ciocca, per poi usare la striscia di nylon per fermare lo chignon.

Infine passiamo ad un rimedio per la salute dei nostri piedi. Pochi sanno, infatti, che con l’ausilio delle calze a rete potremo fare un rilassante pediluvio utilizzando la parte finale della collant e riempiendolo di farina di avena, bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale alla lavanda, potendo poi chiudere la calza e inserirla nell’acqua calda.

Potete inoltre utilizzarlo per fare un rilassante massaggio, strofinandolo sotto la pianta del piede come se fosse una spugna per completare il trattamento di salute. Un ultimo utilizzo, invece, è rappresentato dalla creazione proprio di quest’ultima, nata inserendo pezzi di sapone all’interno della calza.