CONDIVIDI

Il porro è il re delle zuppe, buonissimo anche al vapore, saltato in padella o gratinato, questo ortaggio è l’alleato della nostra linea.

Scopriamo i benefici dell'includere l porro nella nostra dieta

Meno invasivo e dal sapore meno intenso della cipolla, è una base eccellente per risotti e zuppe. Particolarmente delicato anche nelle insalate o per i vostri “pinzimoni” frizzanti. Il porro, è un vero must in cucina che fa bene alla linea!

I porri hanno un effetto benefico sulla figura e contribuiscono a perdere peso, sia perché contengono poche calorie sia perché svolgono un’azione saziante. Sono infatti particolarmente consigliati alle persone in sovrappeso perché aiutano a pulire l’intestino. Comprendono oli essenziali che sollecitano la secrezione di succhi gastrici, quindi è un alimento che facilita la digestione.

Abbiamo 4 buoni motivi per mangiare questo ortaggio, scopriamo insieme quali sono.

Il porro come diuretico

Molto ricco di acqua, con solo il 3% di carboidrati, il porro contiene fruttosani che forniscono un drenaggio naturale, soprattutto perché il buon rapporto potassio / sodio è benefico in caso di ritenzione idrica.

Fa bene alle ossa

Oltre al calcio, fornisce un trio shock ( potassio , magnesio , ferro ), essenziali per la salute delle ossa. Inoltre, la sua vitamina K contribuisce a una migliore densità ossea, con conseguente riduzione del rischio di fratture.

Per un buon transito intestinale

E questo, grazie ai suoi 3 g di fibre per 100 g . Alcuni (mucillagini, pectine), sazianti, si annidano nel bianco, altri, facilitando il transito (cellulosa, emicellulosa) nel verde. Svantaggio: possono irritare gli intestini sensibili.

Vantaggi della cottura del vapore

Per preservare le vitamine e i minerali che contiene, è meglio sbollentarlo rapidamente o cuocerlo al vapore. Perché la cottura in acqua bollente fa perdere le sostanze nutritive.

Un buon consiglio per evitare che perdano il loro colore è quello di evitare di tagliarli troppo tempo prima di mangiarli poiché tendono ad annerire.