CONDIVIDI

Sin da piccoli, siamo stati abituati che leggere fa bene. Vediamo perché tutti dovremmo amare la lettura.

leggere

Leggere viene considerata come una vera e propria ginnastica per la mente.

Book therapy

Leggere fa bene. Del resto, ce lo hanno sempre detto, sin da piccoli. Mai come in questo periodo, se ne sente la necessità, non solo per trascorrere il tempo ma anche per evadere con la mente.

Oggi, 24 marzo, si celebra la giornata Nazionale della Lettura. Quale miglior pretesto per iniziare?

La lettura non è soltanto un passatempo ma una vera ricchezza. Nonostante questo, però, uno studio condotto dall’editore Jenkins Group, circa il 30% delle persone diplomate, dopo aver terminato gli studi, non apre più libro.

E’ come se i libri, dopo l’università, sparissero da scrivanie e librerie dei laureati. Cosa simile si verifica anche nelle famiglie italiane: una famiglia su dieci non possiede nemmeno un libro in casa.

Come praticare la book therapy e perché

Per poter iniziare a leggere o a leggere di più, non costringerti ad affrontare testi troppo voluminosi e noiosi. Scegli testi che possano accendere la tua curiosità.

Meglio scegliere delle storie in cui ci si può identificare oppure altre che ci aiutino ad evadere e fuggire lontano. Leggere aumenta l’empatia.

Quindi, quando ti è possibile (le librerie sono aperte anche in zona rossa), entra in libreria e lasciati chiamare dai volumi, seguendo il tuo istinto.

Leggere un libro, con il passare dei giorni, diventerà per te un appuntamento imperdibile quotidiano. Bastano quindici minuti ogni giorno.

I benefici della book therapy sono tanti tra cui:

  • riduzione dello stress
  • stimola la fantasia
  • motiva
  • aumenta la concentrazione

Si tratta di benefici quanto mai utili in questo momento storico.