CONDIVIDI

Tutti si chiedono come mai l’insegnante di Amici 20 abbia smesso di ballare. E’ a causa di una brutta malattia, l’abbiamo scoperta per voi.

Alessandra Celentano è l’insegnante più temuta della storia dei talent show italiani. E’ la protagonista indiscussa anche di questa ventesima edizione di Amici 20.

Alessandra Celentano

In molti la apprezzano per la sua sincerità, altri arrivano addirittura a odiarla. Tutti si chiedono come mai non balli più: la maestra sarebbe stata obbligata a fermarsi a causa di una sindrome.

La carriera di Alessandra Celentano

La nipote di Adriano Celentano ha portato avanti una carriera incredibile, fatta di grandissimi successi.

Ha studiato all’Opera di Budapest e ha seguito il Corso di Perfezionamento Professionale di danza a Reggio Emilia.

Ha preso parte all’Aterballetto e si è confrontata con artisti del calibro di Ferri, Molin, Bocca e Terabust.

A un certo punto, però, il suo percorso in ascesa si è arrestato e Alessandra ha dovuto lasciare il mondo della danza, ecco perché.

Ecco perché l’insegnante di Amici 20 non balla più

A svelare il motivo che l’ha obbligata a rinunciare alla danza come ballerina professionista è stata la stessa Alessandra Celentano in una recente intervista.

L’insegnante di Amici 20 ha rivelato di aver sofferto di una brutta malattia, una sindrome terribile che talvolta colpisce i danzatori.

La patologia in questione è la sindrome dell’alluce rigido, che, se non curata per tempo, fa arrivare il dito all’immobilità.

Si tratta di una sindrome che ha provocato dolori fortissimi ad Alessandra e l’ha fatta andare sotto ai ferri per ben due volte.

Come ha raccontato lei stessa,

“questa malattia colpisce le articolazioni del primo dito del piede, logorandole a poco a poco. Provoca grossi problemi alle ossa e dolori atroci.”

L’Insegnante di danza di Amici 20 ha dichiarato di aver trascurato la patologia, che l’avrebbe portata all’usura del piede.

A tal proposito, la Celentano ha ammesso di aver fatto un grave errore, del quale si è amaramente pentita.