CONDIVIDI

Il cantante ha rivelato, di recente, la sua paura. Al Bano ha voluto esporsi e questa volta racconta cosa è successo ai suoi amici dopo il vaccino.

Non ha mai nascosto nulla ai suoi fan Al Bano. Il cantante è molto preoccupato dalla pandemia ma soprattutto dalle conseguenze del vaccino AstraZeneca.

Al Bano spaventato dal vaccinoNonostante sia un vaccino sicuro, il cantante non si fida e rifiuta il vaccino sostenendo di preferire altri vaccini.

LEGGI ANCHE –> Paura per Amadeus: esplosione in studio, panico a I Soliti Ignoti

Al Bano, spaventato dal vaccino: i gravi sintomi

L’amatissimo Al Bano non ha mai nascosto di essere fortemente contro il vaccino  Astrazeneca e si è espresso pubblicamente più volte su questo tema sostenendo di essere stato frainteso.

LEGGI ANCHE –> Uomini e donne, panico in studio: la dama scappa a casa

Il famoso cantante italiano non si è risparmiato e ha detto più volte qual è la sua reale posizione sul vaccino. Il Carrisi non è mai stato contrario alla vaccinazione, anzi ha sempre detto che non vedeva l’ora di potersi garantire una difesa immunitaria sostanziale contro il virus.

L’artista 77enne però non vuole assolutamente sottoposi alla iniezione del vaccino AstraZeneca. Il cantante vuole il Pfizer o al massimo quello russo, lo Sputnik.

Il cantante contro Astrazeneca

Il cantante si è decisamente schierato contro il vaccino inglese e che la sua non è una presa di posizione infondata parlando dei gravi effetti che il vaccino suddetto ha avuto sui suoi amici coetanei:

“Ho amici che hanno avuto la febbre a 41 per una settimana. Ho letto e ho deciso. A parlarne si rischia di essere fraintesi, io sono per il vaccino, ma Pfizer o Sputnik”.

In Italia non c’è possibilità di scelta tra i vaccini. Il cantante se venisse chiamato per quel tipo di vaccino si ritroverebbe costretto a rifiutare:

“Sulla mia pelle ne rispondo io e quindi aspetterei un altro turno. Ma non voglio influenzare nessuno”.

L’ex di Romina Power è molto spaventato dalle possibile ripercussioni del vaccino e quindi preferisce aspettare piuttosto che rischiare.