CONDIVIDI

L’assassino della studentessa americana uccisa a coltellate a Perugia ha iniziato una nuova vita, tra volontariato e hobby.

Delitto Meredith Kercher: Guede libero
La studentessa assassinata Meredith Kercher, Rudy Guede

Una condanna a 16 anni per uno dei casi più agghiaccianti degli ultimi anni. Il giallo di Perugia continua a far parlare, ora spunta la nuova vita dell’assassino, lontano dalla prigione dopo soli 10 anni.

Delitto di Perugia: com’è morta Meredith Kercher

L’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher ha scioccato tutta l’Italia e l’America nel 2007. La notte del 31 ottobre di quell’anno infatti la 21enne che si trovava in Italia per studiare grazie al progetto Erasmus venne uccisa con 47 coltellate.

Teatro del massacro fu la villetta di via della Pergola a Perugia, dove la ragazza viveva con altre studentesse tra cui Amanda Knox. Il caso giudiziario legato all’omicidio fece scalpore anche oltreoceano: imputati inizialmente furono proprio la Knox ed il suo fidanzato di allora Raffaele Sollecito.

Amanda Knox e Raffaele Sollecito
Amanda Knox e Raffaele Sollecito il giorno del massacro di Perugia

I due, entrambi studenti, vennero prima condannati poi definitivamente assolti nel 2015. Il loro ruolo è stato sempre controverso e l’opinione pubblica si è spaccata tra innocentisti e colpevolisti, soprattutto nei confronti dell’americana Amanda che si è rifatta una vita negli USA.

Un caso che ha ispirato anche film hollywoodiani ma ancora non ha portato del tutto giustizia alla povera Meredith detta “Mez”.

Ecco cosa sappiamo oggi di uno dei protagonisti di quel terribile giallo.

L’assassino Rudy Guede ha una nuova vita dedicata ai poveri ed ai giovani

Per l’omicidio di Meredith Kercher fu condannato in via definitiva solo Rudy Guede, oggi 34enne originario della Costa D’Avorio.

L’uomo fin dal principio si è dichiarato innocente ma è stato condannato a 16 anni di carcere grazie al ritorno abbreviato. Ne ha passati realmente dietro le sbarre solamente 12 e tra qualche mese avrà terminato di scontare la pena anche grazie alla buona condotta e sarà definitivamente libero.

Ma c’è di più, l’ivoriano è attualmente in stato di semilibertà e da ciò che emerge dal settimanale Giallo numero 13 di marzo 2021, ha deciso di cambiare del tutto vita.

Guede infatti si è trasferito a Viterbo dove, durante lo scorso lockdown, ha potuto studiare e laurearsi nella triennale di Storia e Cooperazione internazionale. A breve discuterà la tesi per laurearsi in Società e Ambiente.

Rudy, così come racconta il giornalista Daniele Camilli di Tusciaweb, ha scoperto l’hobby degli scacchi ed ha deciso di coinvolgere i giovani organizzando un torneo per i giovani in un bistrot della zona.

Non solo, Guede lavora anche come responsabile della biblioteca del “Centro Studi criminologici” di Perugia. Il lato umano dell’Ivoriano si esprime poi nelle molte opere di volontariato dedicate ai più bisognosi come racconta proprio Camilli a Giallo:

“Da quando è uscito dal carcere, Rudy ha cominciato la sua nuova vita e la sta dedicando ad aiutare gli altri. La mattina fa volontariato alla Caritas mentre nel pomeriggio si dedica all’hobby degli scacchi”.

Rudy Guede oggi- fonte GIallo
Rudy Guede oggi- Fonte: settimanale Giallo

Una vita nuova dedicata agli altri dunque, quella di Guede che tra poco sarà definitivamente libero, nonostante la terribile accusa del massacro della povera Meredith.