CONDIVIDI

La docente, che insegnava musica alla scuola media C. D. Gallo di Messina, aveva 55 anni.

morta prof Augusta Turiaco

Lo scorso 11 marzo aveva ricevuto la prima dose del vaccino, e qualche giorno dopo ha iniziato a stare male, tanto da rendere necessario il ricovero al Policlinico di Messina, dove la scorsa notte è stata dichiarata la morte cerebrale della docente.

Il vaccino, poi il ricovero

L’11 marzo scorso aveva ricevuto la prima inoculazione del vaccino Astrazeneca e ne era così felice che aveva aggiornato la sua immagine social, annunciando a tutti i suoi contatti social che si era vaccinata.

Qualche giorno dopo però ha iniziato a stare male, tanto che si è reso necessario il ricovero al Policlinico di Messina.

Nella serata di martedì i sanitari del nosocomio hanno dichiarato la morte cerebrale per la professoressa Augusta Turiaco, 55 anni.

La docente di musica della scuola C. D. Gallo di Messina era ricoverata da giorni per un’emorragia cerebrale dovuta a una trombosi.

Aveva anche subito due interventi chirurgici che si sono purtroppo rivelati vani: la scorsa notte ne è stata dichiarata la morte cerebrale.

Aperta un’inchiesta

Sulla vicenda della docente è già stata aperta un’indagine in Procura e sono stati ascoltati i familiari della Turiaco.

Martedì mattina l’avvocato della famiglia ha depositato un lungo esposto in Procura dove ha ripercorso tutte le tappe della vicenda.

“L’ottimale stato di salute della signora Turiaco, l’assenza di patologie pregresse e il brevissimo lasso temporale tra la somministrazione e la comparsa dei primi malesseri rappresentano indizi tali da indurre a richiedere indagini giudiziarie circa l’esistenza di un nesso causale”

si legge nell’esposto.

Al contempo, i familiari dell’insegnante hanno comunque incentivato le persone a sottoporsi al vaccino.

“La famiglia invita la cittadinanza a non sottrarsi alla campagna vaccinale consapevole della sua importanza, considerate le contingenze pandemiche”

si legge in una lettera scritta dai suoi familiari.

Leggi anche –> La storia di Denise Pipitone, dalla scomparsa alla speranza che si riaccende

La docente aveva espresso il desiderio di donare gli organi. Le sono stati espiantati reni e cornee.