veruska-rossi-manuela-placido svegliati amore mio

Scopriamo tutto sulla splendida attrice che interpreta la dottoressa che accompagna Nanà nella sua battaglia, nella miniserie di Canale 5.

La poco conosciuta Veruska Rossi si sta rivelando un’attrice di talento nella miniserie di Canale 5, Svegliati amore mio.

veruska-rossi-manuela-placido svegliati amore mio

L’interprete veste i panni della dottoressa Manuela Placido, che affianca Nanà nella battaglia per far trapelare la verità sull’acciaieria.

Chi è Veruska Rossi

Nasce a Genova, il 2 dicembre del 1975, sotto il segno zodiacale del Sagittario e ha quindi 45 anni.

Si appassiona di recitazione sin da piccola e si trasferisce in Toscana per frequentare il laboratorio teatrale della Scuola di recitazione Il Sipario.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Veruska Rossi (@veruska.rossi)

Dopo aver conseguito il diploma come Dirigente di Comunità, nel 2000 va a Roma e ottiene la specializzazione in recitazione allo Studio Cometa.

Tra i film che l’hanno vista nel cast, cimentarsi in ruoli drammatici e comici, compaiono La partita del 2020 e Lasciami per sempre del 2017.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Veruska Rossi (@veruska.rossi)

Attualmente interpreta il personaggio della Dottoressa Manuela Placido in Svegliati amore mio.

E’ Manuela Placido in Svegliati amore mio

Veruska Rossi è ora impegnata a vestire i panni di Manuela Placido, la dottoressa che in un primo momento ha un rapporto controverso con Nanà.

Il personaggio interpretato da Sabrina Ferilli non vuole accettare che la figlia sia malata di leucemia, ma dovrà rapportarsi con il medico per scoprire tutta la verità.

Il personaggio di Veruska, Manuela, è una professionista competente e umana, che aveva aperto un ambulatorio nel quartiere Ferraccio per aiutare i suoi pazienti da vicino.

Manuela avrebbe avuto bisogno di prove per testimoniare che le malattie fossero causate dall’acciaieria, che emette polveri dannose.

Le mamme dei pazienti, però, hanno voluto mantenere in silenzio per timore che mariti perdessero il prezioso lavoro nell’industria.