CONDIVIDI

Sarebbero stati almeno 5 gli appuntamenti della spia nostrana con i “committenti” russi.

Come avvenivano gli incontri di Walter Biot con i Russi
Walter Biot

Gli incontri tra Walter Biot e l’ufficiale russo avvenivano tutti con la stessa modalità, tempi e nel solito posto della capitale.

Lo schema degli appuntamenti

Nessun contatto prima degli incontri, che avvenivano a scadenza mensile.

La zona della capitale prescelta dai russi è stata un quartiere di periferia, Spinaceto.

Il funzionario del Cremlino lo raggiungeva rigorosamente in metropolitana. A contraddistinguerlo era un berretto blu.

L’uomo usciva alla fermata del laghetto dell’Eur.

Poi, da lì, aspettava l’arrivo dell’autobus per fermarsi subito dopo il raccordo anulare.

Giunto nel quartiere popolare a sud di Roma, arrivava a un parcheggio non molto distante dal supermercato Carrefour.

Poi il sopralluogo, per accertarsi che la spia non fosse seguita.

Invece l’ufficiale di marina italiano arrivava sul posto prestabilito in macchina.

Infine i due si incontravano nell’automobile di Biot.

L’interno del veicolo era pieno di cimici e telecamere a registrare gli scambi.

La sera dell’ultimo incontro, il 30 marzo, Biot si era recato a fare acquisti nel supermercato.

Inoltre, nell’ultimo appuntamento, c’è stato un colpo di scena: il cambio di automobile. Quella monitorata era stata accantonata.

leggi anche –> https://www.donnapress.it/2021/03/31/cronaca/spionaggio-arrestato-walter-biot-spia-putin-5000-euro-per-delazione/

Tuttavia i Ross sono riusciti a monitorare ugualmente lo scambio: una usb, di cui presto sarebbe stato constato il contenuto (181 foto di documenti classificati), e 5.000 euro in contanti in pezzi da 50.

Una rete di spie?

Gli affari illeciti tra il generale di marina e gli agenti russi sarebbe iniziati lo scorso novembre.

letti anche –> https://www.donnapress.it/2021/04/02/cronaca/parla-il-figlio-della-spia-siamo-con-pezze/

Biot forniva informazioni fotografando il monitor del computer del suo ufficio con lo smartphone.

A inchiodarlo sono le telecamere che lo hanno riprendono tre volte, il 18, il 24 e il 25 marzo, intento a registrare, sul suo dispositivo, quanto appariva sullo schermo del pc.

Il delatore adesso rischia l’ergastolo.

Il suo avvocato assolve al ruolo affermando che i documenti classificati non possono essere fotografati sul monitor di un computer ma solamente stampati.

Ora il sospetto degli inquirenti è che l’ufficiale di marina fosse solo una delle spie italiane al cospetto del Cremlino. Le ricerche su altri possibili delatori proseguono.