gessica notaro, intervento

Lo scorso dicembre il suo ex fidanzato, Eddy Tavares, è stato condannato a 15 anni di carcere.

Gessica Notaro, parole dopo intervento

Gessica Notaro, che è diventata il simbolo della lotta contro la violenza sulle donne, ha deciso di mostrare anche il suo dolore, per far sì che nessuno dimentichi quanto le sia costato rinascere.

La storia di Gessica Notaro e la sentenza di condanna

Era l’11 gennaio del 2017, quando Edson Tavares, ex fidanzato di Gessica Notaro, l’aggredì con l’acido. Il giovane la aspettò sotto casa della madre per mettere a segno il suo folle piano.

Lo scorso 15 dicembre la Corte di Cassazione si è pronunciata sul caso di Gessica Notaro, confermando la condanna a 15 anni di carcere per l’ex fidanzato.

Il 32enne sarà espulso al termine della detenzione.

Gessica Notaro, che è diventato il simbolo della lotta alla violenza sulle donne, quel giorno aveva commentato la notizia, postando un video sulla sua pagina social.

“GIUSTIZIA È FATTA. SOGNAVO QUESTO MOMENTO DA TANTO, TANTISSIMO TEMPO. ORA MI SENTO PIÙ LIBERA”

ha detto la giovane modella, che ha ringraziato tutti coloro che non hanno mai mancato di dimostrarle la loro vicinanza in questi anni.

Leggi anche –> Omicidio Ilenia Fabbri, la figlia Arianna sporge querela per insulti sul web

Il nuovo intervento e le parole di Jessica

Lo scorso 24 marzo, Gessica Notaro ha pubblicato un video sulla sua pagina facebook, in cui ha mostrato i nuovi risultati ottenuti con l’ultimo intervento di chirurgia estetica cui si è sottoposta.

“QUESTO È UN MOMENTO DI SVOLTA NELLA MIA VITA. Perché si inizia a lavorare non solo più sulla funzionalità ma anche sull’estetica: quest’intervento mi consente di tornare finalmente a vedermi con i lineamenti di prima”

ha scritto la giovane modella in un lungo post.

In una lunga intervista a Fanpage, la ragazza ha spiegato di aver voluto condividere il video dell’intervento estetico perché nessuna donna dimentichi cosa le è accaduto.

“Mi seguono molte donne che hanno vissuto o stanno vivendo situazioni molto delicate, di abusi, violenze fisiche o psicologiche. Vorrei che, guardando quelle immagini, si fermassero a pensare: “Se la cosa viene presa sottogamba può finire in questo modo”. Mi interessa fare scattare questa molla. In un attimo può succedere una catastrofe, evitiamolo”

ha raccontato la modella.