CONDIVIDI

Le tensioni si riaccendo negli Stati Uniti tra le minoranze etniche che abitano il Paese e coloro che dovrebbero essere i garanti di ordine e giustizia per tutti.

Chicago, polizia uccide 13enne
Polizia di Chicago

Giovanissimo e già deceduto. A decretare la sua morte è stato un poliziotto. Adesso le indagini sono in corso e la popolazione manifesta il suo dissenso verso metodi accusati di razzismo.

La scomparsa, la ricomparsa, la dipartita

Si chiamava Adam Toledo, aveva 13 anni ed era ispanico.

Era scomparso di casa per qualche giorno, fino al fatale 29 marzo, in cui si è imbattuto in una squadra di poliziotti. Ci sarebbe stato uno scontro a fuoco, la fuga, l’inseguimento e infine il proiettile mortale.

Sebbene non ci sia chiarezza sulla dinamica dei fatti, secondo le prime ricostruzioni, le forze delle dell’ordine avrebbero seguito il ragazzino, che era entrato in vicolo.

Lì ha perso la vita per una riferita da arma da fuoco.

Il poliziotto che ha inferto il colpo mortale è stato temporaneamente sospeso dal servizio.

La comunità ispanica è in protesta contro gli agenti, i garanti della giustizia in cui ripongono poca fiducia.

“Voglio solo saper cosa è successo realmente al mio bambino.”

A parlare è Elisabeth Toledo, la madre della vittima, che vorrebbe chiarezza da parte delle forze dell’ordine sulla vicenda.

È intervenuto anche il sindaco della città, Lori Lightfoot, che richiede la pubblicazione delle immagini della bodycam dei poliziotti che hanno incontrato per l’ultima volta Adam.

Oggi il video verrà reso pubblicato, assicurano gli agenti.

La versione dei poliziotti

Tutto ha avuto inizio con una chiamata alle ora 2.30 del mattino diretta al commissariato.

Si trattava di una richiesta di intervento a Little Village, il quartiere nella parte occidentale della città a prevalenza latino-americana. C’erano stati degli spari.

Giunti sul posto, i poliziotti hanno avvistato due persone sospette e le hanno inseguite.

Per uno dei due, Adam, la corsa è stata interrotta da un solo proiettile affondato nel petto. Invece, per il compagno 21enne sono scattate le manette.

Il ragazzino avrebbe avuto con sé una pistola.