Milano, parto in taxi nella notte di Pasquetta
Parto

Il parto è avvenuto in automobile, davanti l’ospedale e per fortuna con l’ausilio del personale sanitario.

Milano, Parto in taxi
Parto

Intorno alle ore 2.30 di oggi un guidatore di taxi riceveva una chiamata. L’indirizzo indicato era vicino, zona Ortica di Milano. Così ha impiegato quattro minuti per raggiungerla. All’arrivo sono saliti a bordo una donna visibilmente in dolce attesa e il Marito.

Una notte di lavoro sorprendente

Nel capoluogo lombardo, il tassista della cooperativa Taxi Blu 4040 era di turno durante le prime ore della giornata del 5 aprile, quando ha ricevuto una richiesta lavorativa.

Sembrava una delle tante e invece si è rivelata più avventurosa delle solite.

Così si è dispiegato, in un breve frangente di tempo, uno di quelli accadimenti che si ricordano piacevolmente a vita: se all’inizio i clienti nella sua automobile erano due, a fine corsa sarebbero diventati tre.

Quando ha raggiunto la coppia, la nascita della nuova creatura non sembrava imminente.

Ma nel giro di pochissimo la situazione è precipitata: le doglie della donna erano diventate forti, frequenti e lancinanti.

Intanto le rassicurazioni dell’autista sulla vicinanza della clinica Mangiagalli non hanno distolto la tenacia del bebè, impaziente di venire al mondo e incurante che fosse nel posto adibito alle nascite.

L’auto come una sala operatoria

Così la mamma era dolorante e distesa sui sedili posteriori, quando il taxi è arrivato davanti la struttura sanitaria.

Ormai la situazione era tale che non è stata la paziente a recarsi in sala operatoria, bensì la dottoressa a salire sul taxi per prestare soccorso a mamma e nascituro.

Il piccolo è venuto alla luce alle ore 2.40.

Poi, insieme alla madre, è stato condotto all’interno del pronto soccorso. Il personale sanitario ha informato che entrati stanno bene.

Più tardi, in mattinata, il tassista è ritornato in ospedale per sincerarsi della buona salute dei suoi passeggeri notturni.