CONDIVIDI

La mascherina sarà un dispositivo di protezione che, purtroppo, dovremo indossare ancora per molto tempo. Ma come igienizzarla e conservarla correttamente?

Le mascherine, da un anno a questa parte sono diventate parte integrante della nostra vita, a causa della pandemia.

Conservare correttamente

Le mascherine sono diventate compagne fedeli delle nostre giornate a causa della pandemia. Abbiamo imparato a conoscerne le tipologie, ad indossarle correttamente ma sappiamo come conservarle o igienizzarle?

La corretta conservazione parte dalla un’altra cosa fondamentale: avere le mani pulite. Inoltre, le mascherine vanno prese dagli elastici che vanno messi dietro le orecchie e mai toccate sulla loro superficie, a meno che non abbiamo igienizzato le mani correttamente.

Inoltre, puoi inserirle in un contenitore sterile da portare in borsa, in plastica lavabile. Mai metterla libera in tasca o attaccata agli specchietti retrovisori, come si vede spesso in giro.

Igienizzare

In realtà, le mascherine chirurgiche e quelle Ffp2 (considerate le più efficaci contro il contagio), possono essere indossate per un massimo di 4/8 ore in totale. Andrebbero, dunque, usate per quella tempistica e poi gettate via.

Quelle di comunità, invece, ovvero quelle realizzate in tessuto, considerate non efficaci, ma perfette per dare una marcia in più alle classiche mascherine, possono essere indossate sopra le usa e getta.

Le mascherine in tessuto possono essere lavate in lavatrice aggiungendo un additivo igienizzante. L’asciugatura è fondamentale. Meglio se alla luce diretta del sole oppure in asciugatrice. Una buona idea, possono essere anche le lampade disinfettanti Uv.

Per quanto riguarda la pelle, anch’essa soffre a causa dell’uso della mascherina e va detersa correttamente. Questo per evitare la comparsa della così detta maskne, l’acne da mascherina.

Le mascherine bene igienizzate possono aiutarti ad evitarla. Inoltre, per la detersione, meglio evitare le salviette struccanti ma optare per un’acqua micellare o latte detergente non schiumogeno.