CONDIVIDI

Ai presidenti di regione viene concessa la facoltà di intervenire solo in situazioni di particolare preoccupazione, come varianti o focolai.

regole ritorno a scuola

Il presidente dell’Associazione Nazionale dei Presidi (Anp), Antonello Giannelli, ha annunciato che l’80% del personale scolastico è stato vaccinato.

Il 7 aprile si torna in classe: tutte le novità

Saranno 5,6 milioni gli studenti che da domani, 7 aprile, faranno ritorno sui banchi di scuola.

Saranno quasi il 66% degli 8,5 milioni di alunni in totale quelli che archivieranno la Dad, almeno fino al 30 aprile prossimo.

Come riporta anche Fanpage, sindaci e governatori di regione non potranno intervenire con chiusure anticipate, se non in presenza di situazioni particolarmente allarmanti, come focolai o contagi da varianti.

Le regole in zona arancione

Dopo il lungo week-end delle festività pasquali, l’Italia torna alle divisioni in zone.

In zona arancione al momento ci sono: Basilicata, Abruzzo, Liguria, Umbria, Marche, Lazio, Molise, Sardegna, Sicilia, Veneto e le province autonome di Bolzano e Trento.

In queste regioni, domattina torneranno in presenza, almeno fino al 30 aprile: le scuole dell’infanzia, le elementari e la prima media.

Le superiori si alterneranno tra Dad e didattica in presenza.

I governatori di regione potranno pronunciarsi sulla percentuale di Dad per le superiori. Resta possibile la frequenza in classe per ogni ordine e grado a studenti con bisogni educativi speciali o con disabilità.

Leggi anche –> Romeo Bondanese, ucciso a coltellate a 17 anni, il fratello: “Facciamo sentire sicuri i ragazzi”

Le riaperture in zona rossa

Nelle regioni in zona rossa, le attività scolastiche per le seconde e terze classi delle scuole medie e per le scuole superiori proseguiranno tutte in Dad.

Le regioni in zona rossa sono: la Campania, la Calabria, l’Emilia-Romagna, la Lombardia, il Friuli Venezia Giulia, la Puglia, il Piemonte, la Toscana e la Valle d’Aosta.

“Oltre l’80% del personale scolastico è stato vaccinato”

ad annunciarlo è il presidente dell’Associazione Nazionale dei Presidi (Anp), Antonello Giannelli.