CONDIVIDI

La poltrona ricavata dalla bobina sarà un ottimo arredamento da porre nel giardino della nostra casa.

bobina
Una volta saldato lo schienale potremo decorare a nostro piacere la poltrona

Oggi continuiamo a parlare di decorazioni da esterno, nello specifico riciclando una bobina andremo a creare una simpatica poltrona per sederci all’aperto. Andiamo, quindi, a vedere come crearla in pochi e semplici passaggi.

Dovremo ingegnarci per creare lo schienale da utilizzare sulla bobina

Sicuramente la parte più importante della creazione della nostra poltrona bobina sarà la costruzione dello schienale. Per crearlo, infatti, andremo a tagliare due archi di cerchio dai fianchi del rocchetto per ottenere i due pezzi che vanno accostati e uniti per ottenere lo schienale.

Il supporto allo schienale, inoltre, verrà creato avvitando un listellone di buona sezione fra due fianchi circolari. Per trovare la giusta posizione di quest’ultimo però sarà necessario collocare il rocchetto sul piano appoggiandolo sulle due parti tagliate che offrono un sicuro appoggio a terra senza il rischio di ribaltamento.

La poltrona potrà essere decorata con il colore che più ci piace

Andiamo dunque a vedere di cosa avremo bisogno per creare la nostra nuova poltrona: un rocchetto per cavi alta tensione, una sega circolare, un trapano avvitatore, una levigatrice orbitale (o a delta), delle viti autofilettanti, della carta vetrata, un pennello e smalto acrilico ed un bordino di gomma (quello che si usa nei soffitti con finte travi per occultare le giunzioni tra pezzi adiacenti)

Tagliamo, dunque, le ali del rocchetto in modo da ottenere due pezzi uniti che formeranno lo schienale. Dopo averlo inchiodato accuratamente, passiamoci della carta vetrata per prepararlo alla successiva mano di finitura.

Andiamo quindi a dipingere il tutto, escluso il sedile cilindrico, con della smalto acrilico del colore che più ci aggrada. Infine, incolliamo un nastro di gomma nero con finte borchie per regalare alla nostra poltrona un aspetto medievale.