CONDIVIDI

La Crostata Don Camillo a ” È sempre mezzogiorno” è la creazione di Daniele Persegani , il cuoco che ormai è da considerarsi una presenza fissa all’interno del programma condotto da Antonella Clerici.

Oggi la preparazione riguarda una torta che era in uso un tempo preparare per farne dono al prete quando arrivava a benedire le case o nel periodo delle sagre estive. La crostata è un dolce facile da fare in casa, tante le varianti possibili, come la crostata ripiena di mandorle e marmellata di amarene, o la crostata pasquale, che si prepara in occasione delle festività di Pasqua.

Crostata di Don Camillo: Ingredienti e Preparazione

Ingredienti per la frolla

  • 300 g farina 00,
  • 150 g zucchero,
  • 150 g burro,
  • 5 tuorli,
  • mezzo bustina di lievito per dolci.

 

Ingredienti per il ripieno:

Preparazione

Iniziamo partendo dalla frolla

  1. lavoriamo il burro morbido a pezzetti insieme allo zucchero ed i tuorli a temperatura ambiente. Lavoriamo con le mani o in planetaria con la foglia.
  2. Ottenuto un composto omogeneo, aggiungiamo il lievito per dolci e, successivamente, la farina 00.
  3. Compattiamo il panetto ottenuto (sarà morbido), lo avvolgiamo nella pellicola e lasciamo riposare per mezz’ora in frigorifero.

Per il ripieno

  1. Con le fruste, montiamo gli albumi a temperatura ambiente insieme allo zucchero.
  2. Ottenuta una meringa lucida e ferma, uniamo metà delle mandorle a lamelle tostate e teniamo da parte.
  3. Stendiamo la frolla, non troppo sottile, e ci foderiamo uno stampo da crostata ben imburrato ed infarinato.
  4. Suo fondo, spalmiamo la confettura di prugne asprigna.
  5. Distribuiamo sopra gli amaretti secchi inzuppati con il marsala e, ancora sopra, le amarene sciroppate ed il cioccolato fondente tritato grossolanamente.
  6. Spalmiamo sopra la meringa e la livelliamo.
  7. Distribuiamo sopra le mandorle a lamelle rimaste e cuociamo in forno caldo e statico a 165° per 50-60 minuti

Se, durante la cottura, la meringa si colora troppo, la copriamo con un foglio di stagnola.