CONDIVIDI

L’incidente è avvenuto all’alba di domenica mattina, lungo la strada statale 85, nei pressi di Venafro.

morto andrea Esposito

La vettura a bordo della quale viaggiava la vittima si è schiantata contro il guard-rail e per il 46enne non c’è stato nulla da fare.

Lo schianto dopo il turno di notte

Stava tornando a casa dopo il turno di notte all’ospedale Ferdinando Veneziale di Isernia, quando, sulla statale 85 è rimasto vittima di un terribile incidente.

È quanto accaduto ad un infermiere 46enne, Andrea Esposito, che, a bordo della sua Citroen C3, si è schiantato contro il guard rail.

La vittima, originaria di Napoli, ma residente a Cassino, ha perso il controllo dell’auto, forse per un colpo di sonno ed è finito contro il delimitatore stradale.

A nulla sono serviti i soccorsi, per Andrea Esposito non c’è stato nulla da fare.

Il 46enne aveva iniziato da una settimana a lavorare all’ospedale Ferdinando Veneziale di Isernia, nel reparto di psichiatria.

Ieri mattina, la strada che ormai percorreva da qualche giorno, gli è costata la vita.

Chi era la vittima

Aveva lavorato per anni facendo il pendolare tra Napoli e Cassino. Da una settimana si era trasferito a Isernia per iniziare il lavoro che faceva da oltre 20 anni in un nuovo ospedale.

Andrea Esposito lascia una figlia di 24 anni, anche lei futura infermiera.

Sulle cause della morte sono ancora in corso le indagini delle forze dell’ordine ma sembra ormai certa l’ipotesi di un colpo di sonno che gli ha fatto perdere il controllo dell’auto.

Tanti i messaggi in ricordo del giovane infermiere, morto dopo una notte di lavoro.

Leggi anche –> Clochard pestato da una banda di ragazzini a colpi di spranga: fermati 3 minorenni