CONDIVIDI

Il wedding planner si è lasciato andare ad uno sfogo senza precedenti. Enzo Miccio vuole di nuovo tornare a lavorare e fa un appello al Governo.

Il noto wedding Planner Enzo Miccio non ne può più. Lo sfogo per lo stop al lavoro diventa subito virale.

Enzo Miccio lo sfogo

Purtroppo il Covid ha peggiorato tantissimi settori dell’economia italiana, uno è sicuramente quello legato ai matrimoni e a tutto quello che gira intorno al settore.

Enzo Miccio e lo sfogo per lo stop al lavoro

Lo stop nel settore di Enzo Miccio è costato un bel po’ a tantissime persone: molte coppie hanno dovuto rimandare il fatidico sì per poter festeggiare in maniera più libera da preoccupazioni relative alla malattia.

Purtroppo, secondo il noto wedding planner, non c’è stata alcuna cura e attenzione da parte del Governo per coloro che lavorano in questo settore.

Con la sua popolarità, Enzo ha voluto lanciare un grido d’aiuto per tutta la categoria. All’Ansa Miccio ha rivelato:

“Non ce la facciamo più. Non c’è stato mai nessuno in questo doloroso anno, tra i nostri governanti che abbia speso una sola parola per il settore dei matrimoni. Si parla giustamente delle riaperture dei ristoranti, dei cinema, dei teatri, delle palestre e delle piscine. E noi?”

La sua attività non ha goduto di un’ottima considerazione, da quanto si evince dalle sue parole.

Miccio e l’appello alle istituzioni

Miccio ha rivelato che il suo settore apporto un importante incremento al Pil nazionale, il 2.5% annoverando un fascio di aziende molto ampio.

Enzo è anche fortemente contrario a qualsiasi forma di sussidio. Questa la sua richiesta alle istituzioni:

“Quello che vogliamo non sono contributi o assistenzialismo, ma progettualità, regole, un protocollo serio e rigoroso per ricominciare a lavorare, tutti”

Ci auguriamo che il suo appello venga ascoltato.