scarti cucina
Sono tantissime le creazioni che potremo realizzare con i nostri scarti di cucina.

Il numero di scarti prodotti quando si è in cucina è notevole, basti pensare alle numerose bucce, gli steli o persino gli imballaggi buttati nella spazzatura.

scarti cucina
Sono tantissime le creazioni che potremo realizzare con i nostri scarti di cucina.

Con questa guida andremo a vedere ben 16 modi per riportare alla vita degli scarti di cucina che altrimenti sarebbero destinati ad essere buttati.  Ad esempio vedremo come riciclare gusci d’uovo, bucce di banane e persino fondi di caffè.

Alcuni scarti di cucina combinati con prodotti per il corpo ne aumenteranno i benefici

Iniziamo, infatti, parlando proprio di quest’ultimi. Iniziamo, settimana dopo settimana, ad aggiungere i fondi del caffè al balsamo, così facendo la miscela farà acquisire ai nostri capelli nuova lucentezza e morbidezza.

Uno degli scarti maggiormente riutilizzati sono i fondi di caffè

Ma non solo, i nostri fondi di caffè potranno diventare un esfoliante efficace per la pelle del viso. Altrimenti potremo lanciare il nostro caffè di scarto nel focolare per ridurre la polvere durante la pulizia.

Ma non solo, anche i cuori di lattuga e sedano vengono considerati come scarti di cucina riutilizzabili. In questo caso, infatti, se piantati i predetti cibi potranno ricrescere all’infinito.

Discorso simile anche per le patate bianche e dolci che hanno iniziato a germinare che possono essere ripiantate. Passiamo ad un elemento già visto diverse volte nelle nostre guide, ossia il cartone delle uova.

Qui potremo riporre diversi oggetti come palline da golf, decorazioni natalizie o persino barattoli di vernice. Ma anche le bucce delle arance possono trovare un loro posto in questa guida, grazie alla loro capacità di tenere lontani gli insetti.

Basta inserirne solo uno nel cestino per far, quindi, scappare tutti gli ospiti indesiderati. Molti di noi usano spesso confezioni di cartone per i succhi di frutta o semplicemente per il latte, e queste risultano difficili da riciclare.

Potremo, infatti, pensare di renderle delle piccole casette per uccelli. Le cipolle e le bucce di aglio contengono più sostanze nutritive del cibo stesso. Quindi potremo usarli come prodotti aromatici quando si fanno le zuppe fatte in casa.

Persino l’anguria con un pò di olio di gomito può trasformarsi, in questo caso in della marmellata, idem il sedano il quale delizierà i nostri frullati. Anche le bucce delle banane avranno una loro utilità fungendo da fertilizzante.

Strofinarle sulla pelle allevia prurito, eruzioni cutanee, psoriasi e punture di insetti. Le bucce di banana possono essere utilizzate per lucidare in modo naturale scarpe e oggetti d’argento. Strofina usando la parte interna e bianca della buccia.

Le foglie di broccoli, invece, possono essere cotte e mangiate come i cavoli e gli steli possono essere tagliati e aggiunti alle insalate. Per avere delle scorte infinite di teste di porro, invece, basterà inserirle in un barattolo pieno d’acqua.

Il burro che rimane incollato sulla confezione è perfetto per ungere i tuoi stampi da forno! Hai solo bisogno di piegarlo e tenerlo in frigorifero fino al momento in cui ti servirà usarlo.

I tappi per bottiglie di vino in sughero, inoltre, serviranno come piccoli vasi per piantine grasse. Aggiungi un gancio e un anello e ottieni un vasopensile riciclato e pulito.

Le bucce di mela essiccate possono essere utilizzate per preparare deliziosi tè autunnali. L’acidità delle bucce di mela può rimuovere le macchie da pentole e padelle in alluminio. Metti le bucce delle mele fresche sui tuo occhi per 5-10 minuti per ridurre le occhiaie.

Se hai fatto il latte di mandorle probabilmente ti chiedevi cosa fare con tutta la polpa rimasta. Basta spalmarla in uno strato sottile e lasciarla asciugare. Quindi macinala e ottieni farina di mandorle per cucinare senza glutine!