scomparsa Denise Pipitone

La prima moglie di Pietro Pulizzi ha risposto alle accuse mosse da Piera Maggio durante la scorsa puntata di Chi l’ha visto?

denise pipitone

La mamma della piccola Denise l’aveva accusata di essere coinvolta nella sparizione della sua bambina perché nessun altro, a parte lei e le sue figlie, avrebbe potuto riservarle tanto rancore.

Le accuse di Piera Maggio

Una replica arrivata in diretta televisiva quella che Anna Corona ha riservato a Piera Maggio, mamma della piccola Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo il 1° settembre del 2004.

Anna Corona è la prima moglie di Pietro Pulizzi, marito di Piera Maggio e papà naturale della piccola Denise.

Durante la scorsa puntata della trasmissione condotta da Federica Sciarelli, andata in onda mercoledì sera, Piera Maggio ha mosso accuse pesanti contro la prima moglie del suo attuale marito.

La mamma della piccola Denise, che si è sempre detta convinta che la scomparsa della sua bambina fosse da ricercare in ambito familiare, ha accusato Anna Corona di essersi infatuata di lei.

“NON SI È MAI CAPITO COSA VOLESSE DA ME LA SIGNORA CORONA, NON SONO MAI STATA AMICA DI QUESTA PERSONA. IO PENSO CHE LEI FOSSE GELOSA DI ME COME PERSONA, MA NON SOLO PER IL SUO MATRIMONIO FINITO MALE. HO SEMPRE SOSTENUTO CHE SI FOSSE INFATUATA DI ME. È TUTTO SCRITTO AGLI ATTI”

ha raccontato Piera Maggio.

Secondo la mamma della piccola Denise, tra i moventi della sua scomparsa ci sarebbe proprio la gelosia della famiglia Corona nei suoi confronti.

La replica di Anna Corona

Un’accusa, quella di Piera Maggio, depositata agli atti e a cui Anna Corona ha scelto indirettamente di replicare, durante la sua intervista per la trasmissione Quarto Grado.

La donna ha riferito che il giorno della scomparsa di Denise lei stava lavorando in albergo. Arrivata a casa, alle 15:35, gli inquirenti l’avevano informata di quanto accaduto alla bambina.

“Quel primo settembre era una giornata normale per me e per le mie figlie. Jessica aveva anche acquistato dei vestiti. Quel giorno sono stata a lavorare in un albergo, non mi sono mossa da lì. Ero con la mia vicina di casa quando sono arrivati gli inquirenti. Mi hanno comunicato che quel giorno era sparita una bambina di nome Denise Pipitone, che la stavano cercando e che l’ultimo che avevano visto passare da lì era Pietro Pulizzi, che è il mio ex marito”

ha raccontato la donna alle telecamere di Rete 4.

Leggi anche –> Investita mentre si allena, la promessa del ciclismo Silvia Piccini muore a 17 anni

La signora Anna ha poi spiegato che quel giorno lei e le sue figlie non si sarebbero mosse da Mazara del Vallo.

Della paternità di Pietro Pulizzi invece avrebbe saputo soltanto una volta giunta in Commissariato.

“Noi non c’entriamo nulla, anzi spero che lei possa riabbracciare sua figlia, possa tornare alla sua normalità e che Denise torni da sua madre”

ha poi concluso Anna Corona, che ha da sempre escluso ogni coinvolgimento nella vicenda della piccola Denise.

Le falle nelle indagini

La mamma della piccola Denise ha inoltre spiegato che quel primo settembre gli inquirenti avrebbero controllato una casa, credendo fosse quella di Anna Corona, ma che invece era un’altra abitazione.

A dichiararlo era stata proprio la figlia di Anna, Alice Pulizzi, durante il processo.

Leggi anche –> Cisliano: un’area giochi in ricordo della piccola Edith, la bimba di 2 anni uccisa dalla madre