Dramma nel Trevigiano, la piccola Emma trovata morta in culla: aveva 17 giorni. Sotto choc i genitori

La piccola è venuta a mancare lo scorso 26 aprile nella sua abitazione a Lovadina di Spresiano, nel Trevigiano.

morte piccola Emma

Nonostante gli immediati soccorsi, per la neonata non c’è stato nulla da fare.

La morte della piccola Emma

Una notte come le altre, che sembrava essere trascorsa in modo tranquillo.

Eppure quando i genitori della piccola Emma Grespan si sono avvicinati alla culla della loro piccola, si sono accorti che qualcosa non andava.

Così hanno immediatamente allertato i soccorsi, ma per la loro bambina non c’era ormai più nulla da fare.

Il dramma si è registrato lo scorso 26 aprile a Lovadina di Spresiano, nel Trevigiano.

La piccola Emma aveva appena 17 giorni di vita quando, in quella casa che ancora profumava del suo arrivo, è avvenuta la tragedia.

“Non piangete, mamma e papà, le lacrime vi impedirebbero di vedere le stelle. Ora sono in Cielo e brillerò per voi”

è questa la frase scelta da Francesco e da sua moglie Alice per l’epigrafe che accompagnerà la loro piccola.

I due, diventati genitori per la prima volta proprio con Emma, sono ancora sotto choc per l’accaduto.

Cos’è la morte in culla?

Quanto accaduto ad Emma non è purtroppo un fenomeno così raro come si potrebbe pensare.

La SIDS (dall’inglese Sudden Infant Death Syndrome) meglio conosciuta come morte in culla è il decesso improvviso di un neonato al di sotto dell’anno di età.

Le statistiche confermano che il fenomeno della morte in culla si registri perlopiù tra uno e cinque mesi di età.

Leggi anche –> Omicidio della piccola Jolanda Passariello: il papà condannato all’ergastolo, alla madre 24 anni di carcere

Non sono ancora note le cause della SIDS, ma sono ormai noti i fattori ambientali che aumentano il rischio per i neonati:

  • Dormire prono anziché sulla schiena;
  • Se la madre ha fumato in gravidanza;
  • Dormire sotto troppe coperte;
  • Dormire con i genitori o con i fratellini;
  • Dormire prono anziché sulla schiena;
  • Presenza di infezioni respiratorie;
  • Nascita prematura o basso peso alla nascita.