Diletta Leotta viso devastato dai ritocchini: ‘Sembri Ornella Vanoni’ – FOTO

La conduttrice di DAZN è stata più volte accusata di aver fatto ricorso al bisturi per correggere dei difetti. Diletta Leotta questa volta ha esagerato?

E’ sicuramente una delle donne più belle e desiderate di Italia Diletta Leotta. Con le sue curve voluminose ha fatto girare la testa – e continua a farlo- a molti followers. Pare che che le cose con Can Yaman vadano per il verso giusto, considerando che i due hanno trascorso dei giorni di vacanza insieme, ma il web trova sempre il motivo per criticarti.

Diletta Leotta viso stravolto dai ritocchini

Questa volta, ad accedere la polemica, una foto in cui Diletta si mostra in semi-profilo. Niente di anomalo, scollatura bene in vista come al solito. I fan però hanno notato, nel suo viso dei dettagli inquietanti.

LEGGI ANCHE –> Uomini e donne, Roberta di Padua in dolce attesa: la foto col pancione amarcord

LEGGI ANCHE –> Sangiovanni e Giulia di Amici 20 si sono lasciati? Cosa sta succedendo

Diletta Leotta esagera con i ritocchini?

A volte, con i ritocchini, uno si lascia prendere troppo la mano. Anche Diletta Leotta ha esagerato? Nella foto pubblicata poche ore fa la conduttrice sportiva ha esibito un volto decisamente più ‘plasticoso’, meno naturale e con qualche rigonfiamento troppo ostentato.

Potrebbe essere un effetto causato dal chiaro-scuro ma qualche follower c’ha visto subito del marcio.

Le critiche sul web

Non si sono fatti attendere i commenti negativi: Diletta ha infatti ricevuto critiche di ogni genere e paragoni poco lusinghieri.


Qualcuno le ha scritto:

‘Non sembri nemmeno tu in questa foto’

Chi ha usato l’ironia:

C’è più botox qui che nel resto del mondo

Altri invece sono stati più drastici:

‘La chirurgia ti sta divorando’

E chi ha provato a fare paragoni strani:

‘In questa foto sembri Ornella Vanoni’

Una foto decisamente sui generis, considerando che quelle postate da Diletta in genere ricevono tantissimi like e commenti in gran parte tutti positivi e lusinghieri.