Denise Pipitone, testimonianza clamorosa: ‘Trovata Danas, non conosce i genitori’

Novità sul caso della piccola Denise Pipitone. La bimba scomparve da Mazara Del Vallo il primo settembre 2004 in circostanze misteriose. Un nuovo testimone potrebbe rimescolare le carte in tavola.

Nuove piste e indizi a disposizione degli inquirenti potrebbero rappresentare una svolta per il caso di Denise Pipitone. La bimba scomparve in circostanze misteriose da Mazara Del Vallo 17 lunghi anni fa.

Denise Pipitone è DANAS?

 

La mamma della bimba, Piera Maggio, non ha mai perso le speranze di poter riabbracciare la figlia. Con l’aiuto delle autorità e di Chi l’ha visto, questa volta la svolta sul caso della piccola potrebbe essere vicina.

I filmati della guardia giurata

Sul tavolo degli inquirenti sono finite le registrazioni di alcuni video girati da una guardia giurata. Felice Grieco, questo il nome dell’uomo, il 18 ottobre 2004 aveva avvistato una bambina che somigliava molto alla piccola Denise.

L’ex funzionario di stato era rimasto colpito dall’impressionate somiglianza di una bimba ferma nei pressi di un semaforo a Milano e la figlia di Piera Maggio. Ad attirare la sua attenzione, l’abbigliamento della bambina che indossava un giubbino con un cappuccio che le copriva la testa, quasi a volerla nascondere da occhi indiscreti.

Ma non solo. La piccola era in compagnia di una donna di etnia presumibilmente rom che porta via con se la bambina chiamandola con il nome di Danas, quando la guardia giurata si avvicina a lei per offrirle qualcosa da mangiare.

Da quel momento delle due donne non si è saputo più nulla. Fino ad oggi. Due nuove testimonianze infatti, potrebbero sbaragliare le piste fino ad ora seguite e spingere gli inquirenti a cercare altrove.

denise pipitone

Le dichiarazioni di Felice Grieco

La prima novità riguarda le dichiarazioni recentemente rilasciate dalla guardia giurata Felice Grieco. L’uomo ha infatti affermato di aver riconosciuto la donna di etnia rom in compagnia della piccola Danas in una foto segnaletica.

Gli è stato infatti inviato un link di un sito contenente alcune immagini di repertorio in merito ad arresti alcune donne gitane e tra di loro, Felice Grieco avrebbe riconosciuto la donna presente nei suoi filmati. L’uomo si è recato dai carabinieri per sporgere denuncia.

La nuova testimonianza

Ma veniamo agli ultimi aggiornamenti. La ragazza rom del filmato è stata riconosciuta da una ragazza rumeno- italiana di nome Mariana che era stata adottata. La giovane qualche anno fa si è messa alla ricerca della sua famiglia di origine.

Finalmente è  riuscita ad incontrare in un campo rom nei dintorni di Parigi la madre e il fratello. Queste le sue parole:

“Ho trovato mio fratello sui social e poi tramite lui sono andata a conoscere tutti, stanno a Parigi. Mi hanno accolto benissimo.

La ragazza ha specificato:

Sono anche stata in un campo rom e proprio lì ho incontrato quella che secondo me è la donna del video, Florina, che tra l’altro parlava anche italiano. Questa signora ha una figlia che sembra Denise. La ragazza mi ha detto che Florina non è la sua mamma biologica e che lei non conosce i suoi veri genitori. Non era a conoscenza nemmeno della sua età. Se quella donna nel video fosse la stessa che ho visto io così come la bambina… questa ragazza le somiglia tanto”.

 

donna rom

Nello stesso campo quindi Mariana ha conosciuto anche un’altra donna, tale Florina la quale parlava italiano e che aveva anche lei una figlia adottata che non conosceva la famiglia d’origine

Ebbene, la ragazza ha riconosciuto in Florina la donna della foto segnaletica che in questi giorni sta girando sul web: che sia davvero Florina la donna nel video con Danas? E la bimba del video è davvero Denise Pipitone?

Guardando le foto dell’inviata della Sciarelli, la ragazza non ha potuto che esclamare con convinzione che si trattasse di lei, la Danas del video.

Le prove mostrate da Chi L’ha visto

Nelle ultime puntate di Chi l’ha visto?, Federica Sciarelli ha ripercorso tutti gli indizi e le prove a disposizione degli inquirenti per cercare di fare luce su questa scomparsa misteriosa.

Si è partiti con la testimonianza fondamentale di Battista Della Chiave, l’uomo sordomuto che aveva affermato di aver assistito al rapimento di Denise Pipitone. Purtroppo l’interprete dei segni che fu allora inviata dalla Procura per raccogliere la deposizione di Della Chiave, non ha ben compreso i gesti dell’uomo per cui la sua testimonianza per molti anni è stata messa in disparte.

Battista Della Chiave non è più in vita ma le sue dichiarazioni valutate da una nuova esperta della lingua dei segni, ha aperto una nuova pista, quella familiare, che gli inquirenti stanno battendo.

Altro elemento fondamentale: la lettera anonima che la redazione di chi l’ha visto e il legale di Piera Maggio, l’avvocato Giacomo Frazzitta, hanno ricevuto da un uomo che racconta di sapere dettagli importanti sulla scomparsa di Denise Pipitone.

LEGGI ANCHE –>Alba Parietti era innamorata di un uomo che mai avrebbe dovuto piacerle: ‘Ero ossessionata dal sesso’

LEGGI ANCHE –> Michele Merlo, duro provvedimento contro il medico che lo respinse