Michele Merlo, duro provvedimento contro il medico che lo respinse

La morte del cantante di Amici ha sconvolto i fan del programma di Maria De Filippi. La famiglia di Michele Merlo ora vuole giustizia.

Un caso di cronaca quella di Michele Merlo che è destinato a far ancora a lungo parlare di sé. Il 28enne nato artisticamente ad Amici di Maria De Filippi poteva essere salvato? È questo ciò che chiarirà la sentenza del tribunale.

Michele Merlo, ferie forzate per il medico del 118

Duro il provvedimento adottato contro il medico che, come sappiamo, ha mandato a casa il ragazzo pur avendo più di un sintomo che poteva no indurre a capire di cosa si trattasse.

LEGGI ANCHE –>Michele Merlo, le ultime agghiaccianti parole prima di morire: ‘Sento il Paradiso che mi’

Michele Merlo, duro provvedimento contro il medico che lo mandò a casa

Il medico del 118 che non ha voluto ricoverare Michele Merlo se giudicato colpevole potrebbe rischiare grosso. Al momento però l’ospedale ha già preso dei provvedimenti nei suoi confronti. La domanda che si pongono amici e familiari eè sempre la stessa: si poteva fare qualcosa per salvarlo?

L’Ausl di Bologna ha avviato un’indagine interna sulla morte di Merlo. Dopo la fine dell’indagine, l’Asla ha rivelato:

“si sono evidenziate alcune criticità sotto il profilo organizzativo all’ospedale di Vergato, ma non di particolare gravità”.

Il provvedimento contro il medico

Quindi da una prima analisi, il medico che ha visitato in pronto soccorso Michele non ha colpe, almeno in base alle indagini interne dell’azienda Usl.

Il papà di Michele però ha rivelato che un medico dell’ospedale in questione aveva addirittura accusato il ragazzo di fare uso di droghe. Per i genitori tale accusa è inaccettabile: Michele non aveva alcun vizio.

Anche se per il momento è stato assolto da ogni tipo di colpa, il medico dell’ambulanza che lo aveva accusato di fare uso di droghe è stato mandato in ferie forzate per un paio di giorni. Forse un modo per calmare un po’ le acque intorno a lui.

I Nas continuano a lavorare e a esaminare la documentazione clinica fornita dall’ospedale Maggiore. Per adesso restano ancora tanti punti oscuri sulla vicenda.