Ritiro gelati

Una dopo l’altra sono state ritirate tutte. Si tratta delle marche di gelati con pesticidi pericolosi rinvenuti in alcuni supermercati francesi.

L’estate spinge al forte consumo di gelati. Purtroppo però non sempre possiamo comprarli ad occhi chiusi. Arriva di nuovo l’allerta sull’ossido di etilene che coinvolge adesso anche marchi molto noti.

I prodotti segnalati riguardano ogni tipo di gelato, stecchi, coppette e semifreddi. Il sesamo contaminato da ossido di etilene è stato rinvenuto per la prima volta nell’autunno 2020. Oltre che in Francia, anche nel nostro paese, sono stati moltissimi i prodotti ritirati dal mercato in quanto potenzialmente pericolosi.

Sotto la lente di ingrandimento non solo i semi di sesamo ma anche lo zenzero e altre spezie oltre che alcuni integratori che pare siano stati individuati con la stessa sostanza.

LEGGI ANCHE –> Michele Merlo nella bara collo gonfio e capelli rasati: le FOTO dell’ultimo addio della fidanzata

LEGGI ANCHE –> Cos’è la Piastrinopenia autoimmune: la malattia che ha ucciso Camilla Canepa dopo il vaccino

Gelati contaminati: a quali marchi fare attenzione

Come individuare i  gelati contaminati? Nell’elenco francese ci sono oltre 7000 prodotti che presentano alti livelli di questo pesticida considerato cancerogeno, mutageno e tossico.

Diversi lotti sono già stati ritirati: circa 100 prodotti in tutto, tra cui la Laitière, Extrême, Adélie, Twix, Smarties, Snickers, ma anche prodotti di private label come Picard, Auchan, Leclerc, Carrefour. Stiamo parlando di preparati in vaschetta, coppette, stecchi, sorbetti o semifreddi.

C’è da dire che questi prodotti non contengono sesamo, zenzero o altre spezie contaminate ma sono a rischio perché caratterizzati da due stabilizzanti. Il primo è la farina di carruba (E410) per la quale la Direzione francese per la repressione delle frodi (DGCCRF) ha diramato un’allerta in cui si legge:

L’analisi di uno stabilizzante utilizzato nella composizione di alcuni gelati, la farina di carruba [E410], ha rivelato contenuti di ossido di etilene al di sopra del limite massimo regolamentare.

Altri prodotti con questa sostanza stati già ritirati.

Per adesso nel nostro paese non risultano richiami relativi a questi prodotti. Potrebbero avvenire a breve ritiri e reclami nazionali ma un si reputa improbabile un ritardo in segnalazioni simili.